I Pooh piangono l'ex manager

(Adnkronos) - I Pooh piangono la scomparsa del loro ex manager Alex De Benedictis, morto nei giorni scorsi a soli 49 anni, dopo aver lottato diversi mesi contro un tumore incurabile. "Il mio cuore piange per te, caro Alex, amico mio speciale che sei volato in cielo troppo presto. In questo dolorosissimo momento sono vicino alla moglie Polly e al piccolo Aron", ha scritto Roby Facchinetti.

Mentre Red Canzian ha raccontato di come l'ex manager e collaboratore storico dei Pooh fosse rientrato a Milano dalle Canarie quando la malattia era peggiorata: "Oggi alex ci ha lasciato…", ha scritto Red il 29 maggio. "A causa di un tumore devastante che in quattro mesi ha fatto il suo maledetto lavoro. Alex e Polly, con il loro bimbo meraviglioso vivevano da qualche anno a Lanzarote… e proprio da lì, Polly, mi mandò una richiesta d’aiuto dicendomi che Alex era a letto da due settimane e che non riusciva ad alzarsi a causa di una serie di metastasi che avevano intaccato il suo corpo, comprese anche alcune vertebre. Da quel momento ci siamo attivati e, con l’aiuto del fratello di Bea (Beatrice Niederwieser, moglie di Canzian, ndr.), siamo riusciti a far accogliere Alex al San Raffaele di Milano… è stato trasportato in Italia e operato, e aveva cominciato le radio terapie. Dopo una nostra visita due settimane fa, sembrava che qualcosa stesse succedendo… sembrava che stesse reagendo bene, che avesse voglia di lottare… aveva ripreso a mandarci i messaggini con i suoi cuoricini blu… poi qualche giorno fa un’altra crisi, un’altra emorragia, Ieri sera si è addormentato verso le 18 e oggi, a mezzogiorno si è spento. Polly è stata grande e ha lottato per Alex fino all’ultimo attimo… Alex lascia la moglie, il loro bimbo, Aron, di 4 anni e la mamma Paola. Che la terra ti sia lieve amico caro", conclude Red nel messaggio su Facebook firmato anche dalla moglie Bea.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli