Pordenone, agivano contro coetanei e disabile: fermata baby gang

Roma, 24 lug. (askanews) - Tentata rapina pluriaggravata, tentata estorsione in concorso, spaccio di sostanze stupefacenti, truffa e appropriazione indebita. Con queste accuse la polizia di Pordenone ha eseguito un'ordinanza di misura cautelare a carico di un minorenne, indagato insieme a un coetaneo, entrambi appartenenti a una baby gang.

Le indagini dei poliziotti della squadra mobile hanno accertato che le vittime delle violente aggressioni erano tutti loro coetanei e un adulto disabile. Colpiti il capo del gruppo, un 15enne, collocato in comunità e un 16enne che resta in stato di libertà. Entrambi sono stati sottoposti a perquisizione.