Pordenone, Pizzimenti: più servizi con nuovo contratto Tpl

Fdm

Pordenone, 19 dic. (askanews) - "Grazie al nuovo contratto regionale del trasporto pubblico locale gli utenti potranno contare sia su un ampliamento dei servizi, sia sul potenziamento di quelli esistenti. La gara non si limita, infatti, a garantire tre milioni di chilometri in più rispetto al passato, ma concretizza la possibilità di applicare una serie miglioramenti dell'offerta complessiva. Per quanto riguarda il pordenonese è già prevista l'attivazione di alcune nuove linee urbane ed extraurbane, ma attraverso il confronto con i sindaci la Regione vuole dare risposte concrete anche alle ulteriori necessità delle comunità locali". Lo ha dichiarato a Pordenone l'assessore regionale a Infrastrutture e territorio, Graziano Pizzimenti, durante il quarto dei quattordici incontri previsti con i sindaci in merito al trasporto pubblico locale, volto al miglioramento del servizio ai cittadini. Pizzimenti ha evidenziato che "il sistema del Tpl automobilistico del Friuli Venezia Giulia si snoda su oltre 5.100 chilometri e serve circa 8.000 fermate con 43.366.308 di chilometri percorsi dai mezzi in servizio, dei quali 19.639.278 per servizi urbani, compresi quelli tranviari, e 23.727.030 per servizi extraurbani. Da maggio 2020, quando entrerà in vigore il nuovo contratto, con l'avvento del gestore unico tutto sarà gestito in maniera integrata, dando vita a una vera e propria rivoluzione, che oltre a portare risparmi per la regione e i cittadini agevolerà anche l'accesso ai servizi, al fine di aumentare il numero di utenti, e produrrà ricadute positive anche in termini ambientali, dato che i mezzi in circolazione in Friuli Venezia Giulia sono estremamente moderni. Inoltre, le azioni previste si incardinano perfettamente con quelle avviate dalla Regione a sostegno della famiglia, come lo sconto del 50 per cento per gli abbonamenti scolastici". L'assessore ha quindi spiegato che per l'area di Pordenone per quanto concerne i servizi extraurbani è previsto il potenziamento di tre linee: la Maniago-Aviano-Roveredo in Piano-Pordenone (+150.735 chilometri annui); la Meduno-Maniago-Pordenone (+18.422 chilometri annui) e la Spilimbergo-San Giorgio della Richinvelda-Zoppola-Pordenone (+55.512 chilometri annui). Sul fronte del servizio urbano di Pordenone saranno, inoltre, istituite tre nuove linee: la 4/ Pordenone-Porcia, la 5/ dal centro di Cordenons al centro di Pordenone e la nuova circolare R/. Pizzimenti ha infine chiarito che "anche per quanto riguarda il trasporto pubblico la Regione vuole dialogare con i primi cittadini, che conoscono le necessità dei propri cittadini, e integrare le loro proposte, per quanto possibile, all'interno della nuova offerta che partirà a maggio. I vantaggi per gli utenti saranno quindi molti, tra i quali ad esempio la possibilità di avere un biglietto urbano unico utilizzabile in più città, ma anche un sistema informativo unico basato proprio sulla totale integrazione dei servizi offerti finora dalle singole società di trasporto".