Porro, 'il polo automobilistico di Torino ha ancora traguardi da raggiungere'

(Adnkronos) - Un incontro per ricordare gli anni in cui le vetture “made in Torino” primeggiavano rispetto alla concorrenza: è quello promosso oggi al Mauto da Renzo Porro e che ha riunito oltre 80 tra ingegneri, designer e tecnici che hanno fatto la storia dell’auto nel capoluogo piemontese tra il 1965 e il 2000.

Come ha ricordato Porro - già direttore Ingegneria Veicoli Fiat, poi cofondatore e socio di KGR e Torino Vehicle Engineering e socio di Abacad- "fra la Fiat 124 e l’Alfa Romeo 156 c’è stato tutto un mondo di automobili che hanno permesso di ottenere 9 volte il premio “Car of the Year” in Europa dal 1964 al 1998 grazie ai contenuti tecnico/economici dei nostri modelli. Una vettura del Gruppo FIAT premiata mediamente ogni meno di 4 anni fra i modelli presentati da più di 18 costruttori di autovetture. Secondo una suddivisione puramente aritmetica ce ne sarebbero toccati non 9 ma soltanto 2. Le nostre vetture, la nostra organizzazione e il mondo dell’auto in Italia avevano qualcosa in più!”

All’evento, arricchito dall’esposizione di tre Auto dell’Anno (Fiat 128, Lancia Delta, Alfa Romeo 156), sono intervenuti, tra gli altri, Nevio Di Giusto, Stefano Iacoponi, Mike Robinson, Bruno Cena, Antonio Bene, Giovanni Mininanni. Tra gli ospiti, Silvio Angori , Pininfarina, Laura Milani, già direttrice dello IAAD, Alfredo e Maria Paola Stola.

L’incontro non è stato tuttavia solo una celebrazione del passato ma anche un momento di riflessione su un futuro che può dare ancora interessanti risultati. Come ha spiegato Renzo Porro: “La nostra pianta a Torino è ancora carica di buoni frutti e negli anni ha sviluppato ragguardevoli iniziative nel campo dell’auto: dalla Blucar, vettura elettrica per car sharing diffusa in molte nazioni, che è stata progettata e prodotta qui, alle innumerevoli vetture elettriche o termiche di elevatissime prestazioni o gli esemplari unici come le one off o le specialità come Restomod e Retromod".

Commentando il recente annuncio sul futuro di Mirafiori, Porro ha ribadito che "non accettiamo che il traguardo del comparto piemontese dell’automobile diventi quello di vincere il premio per il miglior 'riduttore in briciole' delle auto usate ma diamo forza alle nostre capacità di ingegneria nel più esteso campo della mobilità e continuiamo a sviluppare l’amore per l’auto che ci ha dato la possibilità di diventare quelli che siamo".

L’incontro è stato sostenuto da ciascun partecipante e dagli sponsor Reale Mutua (presenti Renato Montalbano e il figlio Giorgio), Artes (presente il fondatore Matteo Brognoli), Antica Amaretteria, ASI, De Filippis Eventi & Banqueting, StudioRPR e il Mauto. L’artista loanese Donato Donno ha donato una sua scultura raffigurante una Fiat 124 Spider che è stata il primo premio alla lotteria di memorabilia automobilistiche per gli intervenuti. La Lancia Delta è stata messa a disposizione da Silvia Bevilacqua, la Fiat 128 da Alessandro Cerruti e l’Alfa Romeo 156 da Benedetto Camerana.