Portavoce talebani: Auspico che Italia riapra l’ambasciata a Kabul

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 2 set. (askanews) - "Spero che l'Italia riconosca il nostro governo islamico e che riapra presto la sua ambasciata" a Kabul, dice dalle pagine de La Repubblica il portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid.

"Vogliamo ristabilire buone relazioni con l'Italia, auspichiamo che il vostro Paese riconosca il nostro governo islamico. Spero che questa intervista possa rafforzare le nostre relazioni diplomatiche e politiche - prosegue -. Il vostro è un Paese importantissimo per noi per la sua cultura e la storia della filosofia. Questo per noi è essenziale".

Nell'intervista il portavoce spiega che anche se "non ci saranno donne ministro", "potranno lavorare nei ministeri oppure come poliziotte o infermiere. Potranno anche studiare all'università".

Per Mujahid adesso un punto cruciale del nuovo governo è contrastare la crisi economica e per questo i talebani puntano sulla Cina: "Pechino ci aiuterà a ricostruire il Paese, sarà il nostro partner principale", perché "tutti i soldi sono stati spesi per la guerra, ora è tempo di ricostruire. Per questo abbiamo bisogno di migliorare le nostre relazioni internazionali e accreditarci davanti ai governi di tutto il mondo. Siamo consapevoli che abbiamo davanti un lavoro enorme, ma stiamo ponendo le basi per una profonda trasformazione del Paese".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli