Porto Taranto, Emiliano “Il nostro interlocutore è l’Italia”