Porto Venezia: la burocrazia blocca manutenzione dei canali

Bnz

Venezia, 2 ott. (askanews) - La pubblicazione nel pomeriggio di ieri dell'ordinanza 109/2019 della Capitaneria di Porto di Venezia che modifica i livelli minimi di pescaggio del canale Malamocco-Marghera aumentandoli per alcune tipologie di navi ­- in riconoscimento del buon lavoro svolto dall'Autorità di Sistema Portuale - e diminuendoli per altre, alza ulteriormente il livello di allerta sulla situazione dell'accessibilità acquea dei porti lagunari e, in particolare, dell'unica via d'accesso al porto industriale e commerciale di Marghera. "La situazione dell'accessibilità acque a Venezia e Chioggia è ormai emergenziale ­- dichiara il Presidente dell'Autorità di Sistema Portuale Pino Musolino ­- e le limitazioni imposte ieri dalla Capitaneria finiscono, purtroppo, per colpire principalmente il traffico container su cui l'Autorità sta puntando fortemente e che rappresenta il sostegno primario per le esportazioni dell'industria veneta e nordestina, oltre che uno dei settori più interessanti per l'attrazione di investimenti nel quadro della nuova Via della Seta".

(Segue)