Portogallo, al via le Conferenze di Estoril per un futuro sostenibile

Con gli occhi puntati su un "futuro di speranza" (motto degli incontri), al via in Portogallo le Conferenze di Estoril (non lontano da Lisbona), dove leader e attivisti hanno aperto un dialogo tra generazioni sui percorsi sostenibili da dare al mondo.

"Tutto ciò che facciamo ora - dice il regista Andri Magnason - avrà un effetto molto diretto sulla vita delle persone nel 2100, che sono a noi molto vicine, dobbiamo relazionarci a quel tempo come se ci fosse molto vicino".

Dal cambiamento climatico alle diverse forme di discriminazione, dal sogno alla realtà, tutti i temi sono importanti per non ripetere gli stessi errori.

"Siamo qui in una scuola, in un'università, abbiamo pensato fosse importante, portando tanta materia grigia, tanti intellettuali, amministratori delegati, attivisti, politici, usarli per influenzare questa generazione.

Questo è il tema del conferenze: 'la generazione dello scopo', portare un impatto nel mondo".

Felipe Dana/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved.
AP Photo - Felipe Dana/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved.

"Gran parte del mio lavoro - dice Shani Danda, esperta di disabilità - si concentra sulla rappresentazione di comunità molto sottorappresentate, come le persone disabili nelle comunità dell'Asia meridionale.

Purtroppo, non credo che i governi e gli enti di beneficenza stiano facendo abbastanza".

"Abbiamo parlato del ruolo delle popolazioni indigene nella lotta al cambiamento climatico e della leadership giovanile - afferma Helena Gualinga, attivista per l'ambiente e i diritti umani - e anche della condivisione della mentalità e della filosofia delle popolazioni indigene".

"Se gli interventi sono stati molto diversi - dice il giornalista Nuno Prudêncio - uno dei punti in comune era abbastanza chiaro: il cambiamento deve essere uno sforzo congiunto di tutti, perché il fallimento non è un'opzione".