Portogallo, stop alla fuga dei pensionati italiani: il motivo

Portogallo, stop alla fuga dei pensionati italiani: il motivo

Sembra finita la grande fuga dei pensionati italiani in Portogallo, dopo la decisione del governo di fermare i benefici fiscali per i pensionati stranieri che scelgono di vivere nel Paese.

Con un emendamento della finanziaria 2020, infatti, il governo socialista prevede una tassa del 10% su tutte le entrate previdenziali degli stranieri "residenti non abituali" in loco, una categoria che finora poteva contare su una totale esenzione fiscale per 10 anni.

VIDEO - Affrontare la pensione serenamente

Come ha precisato il portavoce dell'esecutivo, tuttavia, la nuova legge si applicherà solo ai nuovi arrivati e non sarà retroattiva.

"Scoraggiare gli investimenti stranieri è un crimine contro la nazione", ha dichiarato Luis Lima, il numero uno dell'associazione degli intermediari immobiliari in Portogallo.

Il programma di incentivi per i pensionati stranieri risale al 2009, quando il Portogallo - in seguito alla crisi - decise di consentire agli "immigrati economici" di percepire per intero i loro assegni previdenziali senza pagare le tasse.

VIDEO - Come risparmiare quasi 2.000 euro l’anno