Portogallo, venti feriti negli incendi, 1.800 pompieri all'opera

Bea

Roma, 21 lug. (askanews) - Circa 1.800 vigili del fuoco lavorano per contenere gli incendi boschivi nel centro del Portogallo che hanno già ferito venti persone, tra cui otto pompieri. Gli incendi sono scoppiati ieri pomeriggio su tre forniti nella regione di Castelo Branco, circa 200 chilometri a nordest della capitale Lisbona, ha riferito la protezione civile portoghese. I vigili del fuoco sono supportati da 19 aerei antincendio e da centinaia di mezzi. Si tratta dui primi incendi importanti di questa estate in Portogallo. Secondo la stampa locale un uomo di 55 anni sarebbe stato fermato, sospettato di aver appiccato il fuoco.

La maggior parte dei feriti è intossicata dal fumo, mentre una persona è ustionata gravemente ed è stata trasportata in elicottero in ospedale a Lisbona. Almeno una strada è chiusa e gli abitanti della zona sono stati evacuati. Nel 2017 un enorme incendio boschivo causò la morte di 107 persone. Lo scandalo che ne seguì convinse il governo ad adottare misure più severe per combattere gli incendi e lo scorso anno non ci sono state vittime.