A Portopiccolo l’arte di Maurizio Galimberti

(Adnkronos) - A Portopiccolo è di scena l’arte di Maurizio Galimberti. Un viaggio nell’arte italiana che si snoda fra i vicoli pittoreschi e le strade profumate di mare del vivace borgo. Nell’anfiteatro dell’Adriatico incastonato fra le Falesie saranno esposte fino al 19 settembre sedici tra le più iconiche opere di Maurizio Galimberti, fotografo e artista comasco, celebre per i suoi mosaici di polaroid. La mostra, intitolata 'Esterno d’autore: fotografie nel borgo’ è una summa della produzione del maestro e della sua narrazione carica di suggestioni fra memoria, cinema, e frammenti di vita.

“Questa mostra - spiega Galimberti - allestita essenzialmente 'en plein air' è innanzitutto una celebrazione dell’aria aperta, non solo dell'estate. Insieme ad amici e collaboratori, supportati da dedicate figure del team Portopiccolo, abbiamo voluto creare un percorso a misura di Borgo in cui le foto, più che essere semplicemente esposte, diventano parte integrante del quotidiano, fruibili in ogni momento”. Quattro foto a tema naturalistico ispirate al dinamico mondo delle farfalle ma anche a galli e pavoni mutuati dalla propaganda di regime cinese, saranno allestite nella hall dell’hotel Falisia, a luxury collection resort & Spa di Marriot International e nelle vie del Borgo. Le altre 12 abbelliranno come manifesti pubblicitari d’antan le pareti esterne dei caratteristici edifici del polo turistico triestino. Una mostra personale, quindi, che è non solo tributo all’artista e alla sua sensibilità ma anche un omaggio del fotografo al salotto triestino di Portopiccolo e all'Italia.

“Con questa esposizione - prosegue l'autore - di cui sono particolarmente felice ed orgoglioso, vorrei riportare alla luce il lato migliore del nostro paese contraddistinto da un’identità molto forte e riconoscibile, condividendo con il pubblico i miei sogni e le mie rȇverie su una terra a cui guardo sempre con ammirazione, con un filo di nostalgia e con amore immutato da sempre. La mia ricerca, scandita dal fluire del tempo e della memoria, quasi cristallizzata in momenti, oggetti e situazioni legate al mio vissuto, punta a svelare in immagini l’essenza di un’Italia sana e operosa, legata alle sue tradizioni e messaggera di positività, di gentilezza e di bellezza: sono un entusiasta sognatore, e con le mie Polaroid ho cercato, fin dai miei esordi, di ricalcare le orme di cineasti come Pupi Avati e Mario Monicelli interiorizzando la lezione di maestri dell’obbiettivo come Luigi Ghirri. Il mio è un reportage dell’anima fra le pieghe dell’arte, del tempo e della storia”.

Entusiasta anche Gabriele Magotti, head of Asset Management Europe H.I.G Capital: "Siamo onorati di poter realizzare ed ospitare questa personale e inedita mostra del fotografo Galimberti negli interni, tra le mura e lungo le stradine del nostro borgo - sottolinea -. E’ nostra intenzione farci ambasciatori anche dell’arte con l’obiettivo di poter trasferire a tutti i nostri ospiti e residenti il connubio di maestria e bellezza espressa da uno dei geni più creativi dell’obiettivo che oggi dà lustro all’Italia in tutto il mondo. Siamo orgogliosi che Portopiccolo sia la preziosa cornice delle opere più significative del maestro a testimonianza del suo lavoro artistico, del suo amore per l’Italia e del legame profondo con il nostro territorio".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli