Possibile: minacce a Mentana confermano gravità pericolo fascismo

Pol/Vlm

Roma, 17 gen. (askanews) - "Dieci giorni fa l'aggressione ai giornalisti de L'Espresso, ora una lettera a Enrico Mentana in cui vengono minacciati molti volti noti del giornalismo italiano. Si tratta dell'ennesimo grave episodio di intimidazione, avvenuto in un tempo ravvicinato e rivolto a chi svolge il proprio lavoro, raccontando questo Paese, come Marco Damilano, Lilli Gruber, Massimo Giannini, Giovanni Floris e Corrado Formigli. A tutti loro la va la solidarietà della comunità di Possibile, nella consapevolezza che il problema-fascismo è serio e non va derubricato a una questione secondaria come per troppo tempo hanno fatto le Istituzioni". Lo dichiara la segretaria di Possibile, Beatrice Brignone, commentando la lettera pubblicata dal direttore del Tg di La7 sui canali social.

"Per questo - aggiunge Brignone - rilanciamo la necessità di discutere e approvare in Parlamento il pacchetto-antifascista, elaborato da Andrea Maestri insieme alla consulta antifascista di Ravenna, che prevede una serie di norme per contrastare la propaganda e l'azione dell'estremismo di destra, a cominciare dal web. Serve una risposta coordinata sul piano giuridico e culturale per dare gli adeguati strumenti alla marea nera che sta montando".