Possibile rincaro sul prezzo del latte: ecco perché

latte
latte

Il latte potrebbe subire un rincaro di due euro: un aumento impensabile fino a poco tempo fa. Del resto si parla di un alimento importante nella dieta degli italiani. Come fa notare Today, l’aumento dei prezzi riguarda diversi prodotti. Si parte dal mais dei mangimi (+41%) per passare al detergente che serve per la pulizia degli impianti per il cambiamento del gusto dello yogurt in produzione (+23%). Un fenomeno, che si spiaga causa dell’aumento del costo energetico. Come si può dunque facilmente intuire produzione di latte è in crisi in Italia. Un problema che riguarda 24mila stalle del nostro Paese, in cui lavorano circa 200mila lavoratori.

Rincaro del latte: i consumatori potrebbero pagare un prezzo salato

I consumatori potrebbero pagare un prezzo salato per l’acquisto del latte in futuro: si parla di un aumento di due euro. Secondo i dati Nielsen, dalla scorsa primavera il prezzo di tale prodotto alimentare è già cresciuto fino a raggiungere la quota di 1,80 euro.

L’allarme delle industrie italiane

Le grandi industrie italiane produttrici di latte sono preoccupate della situazione. A lanciare l’allarme colossi come Granarolo e Lactalis. Le due aziende hanno di conseguenza indirizzato al governo un comunicato congiunto in cui si parla della “forte preoccupazione per un’inflazione galoppante che da 12 mesi colpisce l’agroalimentare italiano e in particolare il settore lattiero caseario”. A detta di Granarolo e Lactalis è necessario un intervento pubblico che vada a scongiurare conseguenze ancora più gravi per le numerose imprese “che compongono la filiera”.