1 / 10

Cos’erano i Pentagon Papers?

I “Documenti del Pentagono” erano dei documenti riservati che contenevano una massiccia copertura di segreti governativi sul coinvolgimento degli Usa nella Guerra del Vietnam dal 1945 al 1967. Furono raccolti nel 1967 per volere dell’allora segretario della Difesa Robert McNamara (Associated Press).

"The Post", libertà di stampa vs. sicurezza nazionale: i casi nella storia

Sono più importanti la libertà di parola, la libertà di stampa, o la sicurezza nazionale? In quali casi il pubblico interesse deve essere posto al di sopra di qualsiasi logica politica? Questo interrogativo ha messo alla prova diversi personaggi della storia anche recente e contemporanea.

Nel suo ultimo film, “The Post”, in uscita in Italia il 1° febbraio, Steven Spielberg affronta questo delicato tema, quanto mai attuale, in un’America in cui il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, addita i principali organi di stampa accusandoli di diffondere “fake news”, notizie false.

La pellicola racconta un preciso episodio della storia americana: quello in cui Katharine Graham (interpretata da Meryl Streep, candidata all’Oscar), la responsabile del Washington Post, nel 1971 decide, supportata dal direttore del quotidiano Ben Bradlee (Tom Hanks) di pubblicare i Pentagon Papers, documenti strettamente riservati riguardanti il coinvolgimento degli Usa nella Guerra del Vietnam dal 1945 al 1967.

Alla pubblicazione dei Pentagon Papers – evento che ha stravolto l’opinione pubblica americana, che venne a conoscenza di bugie e omissioni da parte di ben quattro Presidenti – sono seguiti gli scandali del Watergate che portò alle dimissioni di Richard Nixon, e le numerose fughe di informazioni come il Datagate e Wikileaks.

Sinossi di “The Post”

1971: Katharine Graham (Streep) è la prima donna alla guida del The Washington Post in una società dove il potere è di norma maschile, Ben Bradlee (Hanks) è il duro e testardo direttore del suo giornale. Nonostante Kaye e Ben siano molto diversi, l’indagine che intraprendono e il loro coraggio provocheranno la prima grande scossa nella storia dell’informazione con una fuga di notizie senza precedenti, svelando al mondo intero la massiccia copertura di segreti governativi riguardanti la Guerra in Vietnam durata per decenni.

La lotta contro le istituzioni per garantire la libertà di informazione e di stampa è il cuore del film, dove la scelta morale, l’etica professionale e il rischio di perdere tutto si alternano in un potente thriller politico. I due metteranno a rischio la loro carriera e la loro stessa libertà nell’intento di portare pubblicamente alla luce ciò che quattro Presidenti hanno nascosto e insabbiato per anni.