Poste Italiane: studio Bocconi, e' case history internazionale

(ASCA) - Roma, 20 apr - Il Gruppo Poste Italiane ''si afferma come case history nel panorama economico internazionale''. Il giudizio e' frutto dell'approfondita ricerca ''Innovazione e diversificazione nei servizi pubblici: il caso di Poste Italiane'', condotta dalla Bocconi e presentata oggi alla presenza del Rettore dell'Ateneo milanese, Guido Tabellini, dell'Amministratore delegato di Poste Italiane, Massimo Sarmi, e di Vincenzo Perrone e Michele Polo, professori dell'Universita' Bocconi. I ricercatori dell'Ateneo milanese, spiega Poste, ''hanno individuato i punti di forza dell'azienda e hanno messo in luce quelli che sono gli indicatori delle buone performance di Poste Italiane: la capacita' di diversificazione dei suoi business, che la rende un caso per l'intera Europa, e il forte impulso per l'innovazione tecnologica applicata a diverse categorie di servizi''. Secondo lo studio Bocconi il primato raggiunto dall'operatore postale e' il risultato ''della storia recente di Poste Italiane che e' caratterizzata da una prima trasformazione in S.p.A. avvenuta nel 1998, e dalla adozione, negli anni, di piani strategici a partire dai quali l'innovazione e' diventata prioritaria nella Corporate Strategy di Poste Italiane''. ''Il sentiero evolutivo che Poste Italiane ha intrapreso - prosegue lo studio - ha consentito all'operatore di crescere raggiungendo traguardi importanti anche rispetto agli altri operatori europei. L'impresa ha conseguito, nel corso degli ultimi anni, risultati rilevanti in tutti i settori in cui e' entrata. L'ingresso di Poste Italiane in tali mercati, ha attivamente contribuito all'aumento della concorrenza, e la pressione esercitata ha avuto un forte impatto sul benessere dei consumatori non solo in termini monetari ma anche attraverso l'ampliamento dell'offerta di prodotti disponibili sul mercato'', novazione e' diventata prioritaria nella Corporate Strategy di Poste Italiane''.

Ricerca

Le notizie del giorno