Poste vede utile e dividendi in aumento al 2024

·2 minuto per la lettura
Il logo Poste Italiane presso una filiale a Roma

MILANO (Reuters) - Poste Italiane prevede un aumento dell'utile operativo del 47% a 2,2 miliardi di euro entro il 2024, grazie a tagli dei costi e un aumento dei ricavi che permetteranno di pagare dividendi generosi.

Nel business plan 2019-2024 annunciato oggi, il gruppo -- che si occupa di attività finanziarie come quelle assicurative e di pagamenti finanziari oltre che del business tradizionale di recapito posta e pacchi -- punta a un fatturato di 12,7 miliardi di euro nel 2024, rispetto ai 10,5 miliardi del 2020.

Con un utile netto visto in crescita a 1,6 miliardi di euro nel 2024 da 1,2 miliardi lo scorso anno, Poste si è impegnata a incrementare il dividendo del 6% ogni anno, partendo da una base di 0,55 euro da distribuire sui risultati 2021, che rappresenta un +14% rispetto al 2020.

Alle 12,00 circa, il titolo è in rialzo dell'1,3%, mentre l'indice di riferimento cede lo 0,2%.

"Ciò che conta di più è l'aumento della remunerazione degli azionisti, con la società che fissa un payout del 60% come nuova normalità", commentano gli analisti di Mediobanca Securities.

La divisione Corrispondenza e Pacchi sarà un "operatore logistico a 360 gradi" in utile entro il 2025, con una maggiore incidenza dei ricavi da pacchi rispetto a quelli da corrispondenza.

"La trasformazione del segmento Corrispondenza e Pacchi è in piena implementazione... diverremo un player logistico a 360 gradi con un business sostenibile", dice in una nota l'amministratore delegato Matteo Del Fante, ex banchiere di JPMorgan.

Per la divisione Pagamenti e Mobile è previsto che i ricavi più che raddoppino entro il 2024, aiutati da servizi a valore aggiunto come i prodotti energetici che saranno offerti all'inizio del 2022.

Poste si aspetta anche un aumento della domanda per i servizi assicurativi, sostenuti dalla domanda di protezione della salute e dei beni dopo la pandemia di Covid-19.

La divisione dei servizi finanziari, tuttavia, dovrebbe registrare un calo dell'utile operativo nel 2024, a causa dei costi maggiori.