Potranno finalmente riprendere la loro attività

·1 minuto per la lettura
Toelettatori
Toelettatori

Nonostante la zona rossa, i toelettatori di cani potranno finalmente riprendere la loro attività in Emilia-Romagna. A deciderlo è stata la Regione, con un’ordinanza firmata dal presidente Stefano Bonaccini, che regola i servizi di cura animali da compagnia, con le dovute misure.

Toelettatori possono riaprire

Da oggi in Emilia-Romagna i toelettatori potranno riprendere finalmente la loro attività, come stabilito da un’ordinanza firmata da Stefano Bonaccini, presidente della Regione. Ci saranno, però, le dovute limitazioni. Potranno aprire soltanto fissando prima gli appuntamenti e con un autodichiarazione da parte del proprietario che l’animale non convive con persone che sono in quarantena o affette da Covid-19. I toelettatori di cani sono scesi in piazza per manifestare, chiedendo di poter continuare a lavorare e assicurare pulizia e cura degli animali domestici ai loro clienti.

L’ordinanza stabilisce anche che l’attività può essere svolta esclusivamente con modalità che non prevedano l’ingresso dei clienti nei locali dell’esercizio. La regola è di limitare il più possibile i contatti tra addetti e clienti e di usare i mezzi di protezione personale anche durante i contatti con l’animale. Deve sempre essere garantito il distanziamento sociale. Il provvedimento è in vigore dal 26 marzo 2021 e fino al termine della dichiarazione di stato di emergenza nazionale che è stato fissato dal Governo. Ogni volta che l’Emilia Romagna sarà classificata come zona rossa, i toelettatori di cani potranno aprire, seguendo tutte le regole e rispettando le limitazioni necessarie per garantire la sicurezza durante questa emergenza.