Potrebbe trattarsi davvero di Denise Pipitone?

·2 minuto per la lettura
chi è Olesya Rostova
chi è Olesya Rostova

Il caso di Denise Pipitone, la bambina di quattro anni scomparsa nel 2004 da Mazara del Vallo, si è riaperto dopo che dalla televisione russa è arrivata l’immagine di una ragazza di 20 anni, Olesya Rostova, che sembrerebbe somigliare molto alla mamma della di Denise, Piera Maggio, colei che in questi anni non ha mai smesso di cercare la propria figlia. Sarà ora necessario un test del Dna per verificare se Olesya possa essere davvero Denise. Ma chi è questa ragazza?

Chi è Olesya Rostova?

Stando a quanto riportato da Il Riformista, Olesya Rostova è una ragazza di 20 anni che si è presentata nel programma tv russo Lasciali parlare per cercare la propria famiglia. La giovane, che per età e per caratteristiche fisiche potrebbe sembrare Denise, ha raccontato di essere stata rapita da piccola e in seguito portata in un campo rom nel 2005, motivo questo che contribuirebbe ancora di più a sostenere la tesi seconda la quale Olesya Rostova e la bambina di Mazzaro del Vallo del 2004 possano essere la stessa persona.

Olesya ha raccontato di aver ricevuto questo nome in orfanotrofio dove era stata condotta dopo essere stato arrestata da giovanissima. Viveva infatti in un campo nomadi e racimolava spiccioli per la comunità chiedendo le elemosina in strada. Nel corso della trasmissione, Olesya ha ammesso di ricordare perfettamente il volto della madre: “Non ti ho mai dimenticato, ti sto cercando e ho la possibilità di trovarti. Eccomi qui, sono viva, voglio conoscerti e trovarti“.

In mezzo a tanti elementi che sembrerebbero far credere che si tratti della piccola Denise, ve ne sono alcuni che sembrano portare lontano rispetto alla traccia della speranza. Anzitutto Olesya Rostova ha una somiglianza con Piera Maggio, ma non con alcuni caratteri fisionomici di Denise e poi la ragazza russa ha ammesso di non sapere l’italiano e di non avere ricordi in questa lingua. La signora Maggio ha invece sottolineato che la figlia, malgrado i 4 anni, parlasse molto fluentemente l’italiano e il dialetto siciliano.