A Pozzuoli i manifestanti riuniti davanti ad un centro analisi

·1 minuto per la lettura
tamponi covid
tamponi covid

Le richieste da parte della popolazione per effettuare tamponi alle Asl diventano sempre più numerose, tanto che i tempi di attesa sono più di una settimana in molte zone d’Italia. Per questa ragione, al fine di scoprire se si è positivi o meno al Covid-19, in molti si rivolgono ai centri analisi privati. I prezzi per tamponi e test seriologici sono tuttavia spesso elevati.

A Pozzuoli, in provincia di Napoli, così, mercoledì 28 ottobre è scoppiata la protesta davanti ad un laboratorio privato autorizzato ad effettuare tamponi a pagamento. Un gruppo di persone si è riunito per chiedere “tamponi gratis”. La ragione è che, come scrivono sugli striscioni, sulla salute non possono essere ammesse speculazioni.

La protesta

La richiesta dei manifestanti di Pozzuoli è che vengano effettuati tamponi gratuitamente, sia nelle strutture pubbliche che private, nel caso in cui ci sia prescrizione medica. In caso contrario, invece, dovrebbe essere imposto ai centri analisi privati un prezzo fisso e calmierato. Il tariffario, in realtà, è già stato realizzato dal Governo e dalle Regioni, ma in gran parte dei casi viene aggirato.

Oggi noi cittadini campani siamo costretti ricorrere a laboratori privati per avere un tampone e a pagare perciò anche 80 euro. Tutto questo è inaccettabile“, dice uno dei cittadini partenopei presenti alla protesta davanti al centro analisi.