Prandini (Coldiretti): "Sviluppo biogas e biometano fondamentale per modello circolare"

·1 minuto per la lettura
Prandini (Coldiretti): "Sviluppo biogas e biometano fondamentale per modello circolare"
Prandini (Coldiretti): "Sviluppo biogas e biometano fondamentale per modello circolare"

Roma, 29 ott. (Adnkronos) – "Le energie rinnovabili fanno sempre più parte del reddito economico dell'agricoltura e diventa fondamentale in termini di sviluppo allargare non solo alla zootecnia l'utilizzo di biogas, biometano e anche di biometano liquido. Noi non siamo a un punto di arrivo ma a un punto di partenza per ciò che può essere sfidante in termini imprenditoriali e dobbiamo uscire da una logica di guadare al giorno dopo ma dobbiamo avere investimenti in una logia di medio e lungo periodo". A dirlo è stato ilpresidente di Coldiretti Ettore Prandini all'evento in streaming del Cib per la presentazione “Farming for Future. 10 azioni per coltivare il futuro”.

"È necessario quindi ha sottolineato il numero uno di Coldiretti – passare da un sistema che produce rifiuti e inquinamento verso un nuovo modello economico circolare in cui si produce valorizzando anche gli scarti. Lo sviluppo di biogas e biometano va in questa direzione ed è fondamentale anche per i trasporti e la viabilità".

"Occorre, in tale ottica, – ha aggiunto – convertire gli impianti e incentivare nuove forme di contribuzioni energetiche (come nel caso della Germania) in nome della distintività e della sostenibilità. Importantissimo anche l’utilizzo del digestato come fertilizzante che risulta essere performante in linea con le disposizioni europee del Green Deal2.

"Coldiretti è impegnata per l’Agricoltura 4.0 intesa come progetto strategico di lungo periodo. – ha ricordato Prandini – Di qui l’accordo con Telecom sulla digitalizzazione agricola con l’obiettivo di incrementare la produttività accompagnata dalla riduzione dei costi a favore della sostenibilità ambientale. "Ma Coldiretti sta puntando molto anche sul sistema della tracciabilità (Blockchain) per garantire capacità produttiva e sostenibilità delle imprese e per dare risposte concrete ai bisogni del territorio" ha concluso Prandini.