Precipita da una cascata, il fidanzato non riesce a salvarla

La vittima, la 29enne Hannah Lowe, era un'esperta escursionista (foto Instagram)

Avevano appena finito di pianificare gli ultimi passi da fare per comprare casa insieme in vista del prossimo matrimonio, ma una disattenzione di troppo è costata cara alla 29enne Hannah Lowe. La donna britannica, secondo quanto emerge da un’inchiesta, è scivolata giù dalle Kinder Downfall davanti gli occhi del fidanzato Adam che, tentando di afferrarla dallo zainetto, ha visto la futura sposa precipitare da quasi 100 metri d’altezza.

La tragedia, avvenuta lo scorso aprile, è stata raccontata da Metro Uk. La donna era un’esperta escursionista che da anni praticava bouldering, la disciplina che prevede l’arrampicata su una parete di sassi. Il lunedì di Pasqua, insieme alla famiglia e al fidanzato, aveva deciso di avventurarsi per le cascate del Derbyshire alla ricerca di panorami mozzafiato.

GUARDA ANCHE - Caldo sul Monte Bianco, spunta un lago

Amanti della natura, i due, che stavano pianificando il loro futuro insieme, si erano seduti sulla vetta delle cascate. Ammirando il panorama avevano chiacchierato sulla casa e sul compleanno del giorno successivo di Adam, poi la tragedia. Dopo averla vista scivolare l’uomo aveva tentato in tutti i modi di afferrarla dallo zainetto non riuscendoci.

L’uomo, insieme alla famiglia della giovane allertata dalle urla del 30enne, aveva cercato di scendere velocemente dalla vetta, ma le condizioni non ottimali lo avevano fatto desistere. Poco dopo la donna è stata trovata priva di vita ai piedi della cascata.

LEGGI ANCHE - Ubriaco senza aver bevuto, il curioso caso negli Usa

“Oggi ho perso la mia anima gemella. Le parole non possono spiegare il dolore che provo in questo momento, ma sono onorato di aver condiviso il tempo che abbiamo passato. Trascorrerò il resto della mia vita rendendoti orgoglioso e rendendomi una persona migliore” aveva scritto dopo la tragedia il fidanzato Adam.

Emma Serrano, ufficiale giudiziario che si è occupata del caso, ha chiuso l’inchiesta per morte accidentale: “Dire che Hannah era amata è un eufemismo”.