Prefetto Palermo: "Zona gialla? In troppi non vogliono indossare la mascherina…"

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 29 ago. (Adnkronos) – "Sa quale è il vero problema? Che le persone non vogliono più indossare la mascherina. Noi cerchiamo di essere presenti, soprattutto nelle zone dove è più alta l'affluenza di turisti, o nelle località balneari, o ancora dove si creano assembramenti per alcuni locali la sera. Ma non è semplice. In tanti ormai sono orientati a non indossare la mascherina, con l'equivoco di chi non la porta perché vaccinato". Il Prefetto di Palermo, Giuseppe Forlani, si prepara alla zona gialla, a partire da domani, che prevede delle restrizioni anche sull'uso della mascherina all'aperto.

"Noi i controlli li facciamo sempre – dice all'Adnkronos – Sono circa duemila i controlli al giorno, e oltre 50 mila i controlli eseguiti solo ad agosto. E' evidente che in una città e una provincia come Palermo dove accadono episodi di ogni genere, le forze dell'ordine devono essere sempre presenti. I controlli vanno fatti nei locali, nelle attività economiche, cose che facciamo regolarmente". Dall'inizio della pandemia sono stati oltre mezzo milione i controlli eseguiti nella provincia di Palermo.

"La violazione della norma di indossare la mascherina – spiega ancora il Prefetto – può essere cosi diffusa ed è difficile da controllare. Noi siamo nei luoghi in cui c'è più affollamento, continuiamo questa attività che non è semplice. Dove si radunano le persone che richiedono dispositivi abbastanza significativi. Poi ci sono manifestazioni che si svolgono e che devono essere autorizzate e che determinano una disposizione di sicurezza".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli