Pregliasco avverte che potrebbe arrivare una nuova variante a fine anno

·1 minuto per la lettura
covid pregliasco
covid pregliasco

Il virologo Fabrizio Pregliasco non esclude il possibile arrivo di una nuova variante Covid dopo l’estate, come successo lo scorso anno con Omicron.

Covid, Pregliasco ipotizza una nuova variante

Il virologo Fabrizio Pregliasco, Direttore Sanitario dell’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano, non esclude il possibile arrivo di una nuova variante Covid dopo l’estate, come successo lo scorso anno con Omicron.

Non è si tratta di un’idea estemporanea, ma è un pensiero diffuso nella comunità scientifica. Anche il collega Guido Silvestri, professore della Emory University, insiste sulla necessità di continuare con i vaccini, senza adagiarsi in estate quando i contagi calano.

Covid, Pregliasco: “Dobbiamo essere preparati”

«È possibile. Dobbiamo immaginarlo come scenario, perché questo virus in poco tempo ci ha già dato alcune varianti spiacevoli come la Delta e la Omicron. E potrebbe darcene anche un’altra».

Queste le parole di Pregliasco, che ritiene nel normale ciclo pandemico l’arrivo di una nuova variante in autunno 2022, che potrebbe essere anche più aggressiva di Omicron.

Covid, Pregliasco: “Nessun allarme”

Il medico presso l’istituto Galeazzi professa comunque calma. C’è la possibilità che una nuova mutazione del virus sia più aggrssiva e riesca ad attecchire anche sugli immunizzati, ma lo scenario più probabile è un «rasserenamento»:

«L’ipotesi più probabile è quella di un rasserenamento, però nulla ci impedisce di poter avere qualche rischio in questo senso. Speriamo che Omicron possa farci buon gioco, nel senso che se raggiunge una grande quantità di persone ci da una immunità che non si può definire di gregge, ma che riduce l’opzione. Ma è evidente che questo virus nel mondo va per i fatti suoi e può ulteriormente evolversi».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli