Pregliasco: "Medici no vax come imboscati in guerra"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Sull'obbligo vaccinale contro il Coronavirus per gli operatori sanitari "voglio vedere quale sarà il meccanismo. Non vaccinarsi vuol dire essere imboscati, come in una guerra. A suo tempo i soldati venivano fucilati sul posto se non andavano alla guerra, era un meccanismo trucido e devastante. E' davvero l'elemento che fa pensare male la popolazione perché se il mio medico non si vaccina perché dovrei farlo io? In realtà è solo ignorante". Lo dice Fabrizio Pregliasco, virologo dell'università degli Studi di Milano, in collegamento con la trasmissione 'Omnibus' su La7.

Secondo Pregliasco, i medici che rifiutano il vaccino anti Covid "sono una minoranza dei colleghi. Ci sono gli eroi, gente che si spende, e ci sono dei vigliacchi. Sono persone che in questo modo sperano di essere spostate in attività meno a rischio", osserva.

"Se ci vacciniamo proteggiamo noi stessi, la nostra famiglia e la comunità: corriamo qualche rischio, ma secondo i dati sono rischi irrisori. E oltretutto non c'è ancora un meccanismo di correlazione. Ma questo aumenta il dubbio e la poca voglia di qualcuno, una minoranza che però fa rumore".