Pregliasco parla dell'ondata di omicron 5

fabrizio pregliasco
fabrizio pregliasco

Il virologo Fabrizio Pregliasco ha parlato dell’attuale ondata di Omicron 5 e dei picchi di contagi che stanno investendo l’Italia in queste settimane.

Fabrizio Pregliasco sull’attuale ondata di Omicron 5 in Italia

Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università di Milano, ha fatto il punto sulla situazione Covid-19 in Italia, dove ormai da giorni il tasso di positività è stabile intorno al 25%.

«È chiaro che se il picco è stato superato lo si capisce quando è passato nella pratica, ma credo che ormai siamo nella fase espansiva di questa ondata di Omicron 5 e siamo arrivati al culmine».

Centaurus potrebbe essere la protagonista in autunno

Inoltre, ha sottolineato che Centaurus – così come è stata ribattezzata la nuova sottovariante Omicron identificata in India, la BA 2.75, «potrebbe essere la protagonista della prossima ondata».

Ha proseguito paragonando il propagarsi del Coronavirus come una serie di onde prodotte da un sasso lanciato in uno stagno:

«Questo virus cercherà sempre di variare perché la sua peculiarità è l’essere assolutamente non stabile e questo gli gioca a sua favore perché si trasforma sempre in varianti che schivano le precedenti infezioni».

La campagna per la quarta dose

Pregliasco ha poi voluto concludere il suo intervento sottolineando una nota dolce, legata al prosieguo della campagna per la quarta dose di vaccino Covid, che avanza ad una media di 56mila somministrazioni al giorno per gli over 60:

«È una notizia importante perché c’è stata una narrazione negativa sul valore della vaccinazione anti Covid e sul fatto che questo vaccino sia vecchio. Invece ha una cross-reattività e mantiene la sua funzione di alzare la risposta anticorpale e fare in modo che ci sia una certa capacità di evitare forme gravi della malattia».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli