Pregliasco: "Seconda ondata peggio della prima"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"In questo momento davvero c'è una diffusione" del coronavirus Sars-CoV-2 "non dico omogenea, ma davvero molto ampia e peggiore della prima volta. Lo vedo nel contesto in cui vivo e lavoro, tra i familiari e gli amici: la probabilità di cadere nell'infezione è generalizzata". Così il virologo dell'università degli Studi di Milano Fabrizio Pregliasco, intervenendo ad 'Agorà' su Rai 3, fa il punto sull'epidemia di Covid-19 in alcune aree d'Italia e nello specifico in quella milanese.

"L'elemento particolare è la pervasività di questo virus", ammonisce l'esperto, direttore sanitario dell'Irccs Galeazzi di Milano: "E' facilissimo acquisirlo, magari sul lavoro, in un contesto comunitario, ma poi l'arrivo è a casa". Avverte Pregliasco che "la famiglia diventa un elemento moltiplicatore, proprio perché si abbassano per forza di cose le difese. Invece bisogna stare molto attenti - raccomanda - a fronte della presenza di soggetti asintomatici".