Prelievi dal conto corrente del cliente: arrestato direttore di banca

prelievi conto corrente cliente

Scoperta una grossa truffa bancaria a Ravenna: da febbraio, con una trentina di operazioni, un direttore di banca avrebbe infatti prelevato quasi 28 mila euro dal conto corrente di un facoltoso cliente, un 68enne del posto, ignaro di tutto. Per compiere indisturbato i prelievi, il ladro aveva creato un secondo bancomat collegato al conto corrente di cui il correntista non era però a conoscenza. L’uomo è stato arrestato dai carabinieri.

Prelievi dal conto corrente del cliente

Prelevava denaro dal conto corrente di un suo cliente senza che quest’ultimo sapesse nulla. Un direttore di un noto istituto bancario di Ravenna aveva architettato un piano per sottrarre denaro ad un correntista senza che questo potesse accorgersene: i prelievi avvenivano per mezzo di un secondo bancomat con il quale il malvivente poteva agire indisturbato. Nel giro di pochi mesi il direttore, che da qualche settimana lavorava in un nuovo istituto, avrebbe sottratto una cifra pari a 28 mila euro ed è stato ora arrestato.

Le indagini

A smascherare la truffa, in maniera del tutto involontaria, sarebbe stato il nuovo direttore della banca. Quest’ultimo ha infatti convocato il titolare del conto corrente per chiedergli spiegazioni sull’esistenza della seconda carta bancomat scoprendo con sorpresa che il cliente non ne era a conoscenza. Ad insospettire, inoltre, numerosi prelievi da un solo sportello. In un primo momento si è pensato ad un furto, ma con le prime testimonianze è stato presto chiaro che il responsabile poteva essere l’ex direttore. La carta è stata prontamente bloccata e non appena il truffatore ha tentato l’ennesimo prelievo, sono scattate le manette.