Premio fotografico 2021 "Fiducia e speranza nel futuro". Ecco i vincitori

·5 minuto per la lettura
Premio Fotografico 2021,
Premio Fotografico 2021,

È Giorgia Pastorelli, 23enne di Pisa, la vincitrice dell’edizione 2021 del Premio Fotografico “Fiducia e Speranza nel Futuro” promosso da HuffPost in collaborazione con BPER Banca, Fondazione Nino Migliori e FIAF (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche). Con “Make It Better” si è aggiudicata il primo premio, una borsa di studio dal valore di 3mila euro.

“Il progetto - spiega Pastorelli nella presentazione che accompagna il trittico - è la rappresentazione grafica, in chiave ironica e leggera, del trovare il bene in se stessi e trasporlo nelle cose che ci circondano. Questo, però, non vuol dire crearsi una percezione distorta della realtà, ma al contrario, riuscire ad avere una visione positiva della quotidianità, anche se essa non sembra essere delle migliori. È un inno al cercare il proprio equilibrio interiore, la calma e la serenità, cosicché gli eventi esterni non portino eccessivo turbamento, o che comunque non facciano dubitare di noi stessi, dato che la nostra personalità e il nostro essere sono ben saldi e definiti”.

La giuria - composta da Nino Migliori, Fotografo Artista e Presidente della Commissione Giudicatrice, Marina Nella Truant, Direttore della Fondazione Nino Migliori, Roberto Rossi, Presidente FIAF Federazione Italiana Associazioni Fotografiche, Gianni Del Vecchio, Condirettore di HuffPost, Carlo Renda, Vice Direttore di HuffPost, Eugenio Tangerini, Responsabile Servizio External Relations and CSR di BPER Banca, Cristina Solmi, Responsabile Ufficio Sponsorship ed Event Management di BPER Banca, Davide Lamagni, Servizio External Relation and CSR Relations di BPER Banca - si è così espressa: “Con la mediazione della macchina fotografica e di quella da cucire, l’autrice dà forma a una nuova realtà, fatta di riflessioni ed emozioni provenienti dal profondo. Una rappresentazione grafica in cui il cucire è trasformato in un gesto afunzionale e puramente artistico: una ricerca di armonia che metaforicamente allude all’atto di riavvicinare, ricomporre, tenere insieme. Un filo colorato che apre a nuove estensioni visive, portando l’immagine fotografica di una realtà esistente verso una dimensione positiva, più intima e sensuale”.

Giorgia Pastorelli - Make it better (1) (Photo: Giorgia Pastorelli)
Giorgia Pastorelli - Make it better (1) (Photo: Giorgia Pastorelli)
Giorgia Pastorelli - Make it better (2) (Photo: Giorgia Pastorelli)
Giorgia Pastorelli - Make it better (2) (Photo: Giorgia Pastorelli)
Giorgia Pastorelli - Make it better (3) (Photo: Giorgia Pastorelli)
Giorgia Pastorelli - Make it better (3) (Photo: Giorgia Pastorelli)

Secondo premio alla foto “Cor Cordium” di Emma Bucelli, 21 anni di Empoli.In questo scatto - spiega - ho voluto rappresentare la rinascita attraverso la fioritura di un rigoglioso cuore fatto di fiori. Il cuore che è ciò che ci ha tenuto fisicamente in vita, ma è soprattutto quello che figurativamente ci ha uniti, non ci ha fatto sentire soli nonostante la lontananza: adesso è quasi totalmente fiorito, con dei boccioli pronti a schiudersi nuovamente”.

Per la commissione giudicatrice “Guardando questa immagine ci si trova di fronte a una fotografia artistica a tutto tondo, che non mira alla sola riproduzione, ma con l’ausilio del mezzo fotografico crea l’oggetto da mettere in scena per interpretare i contenuti. Un’adesione panica alla bellezza della forma e del colore, che pone grande attenzione alla composizione, di cui viene curato ogni minimo particolare, e che porta con sé un messaggio universale di amore e dialogo con la natura”.

Emma Bucelli - Cor Cordium (Photo: Emma Bucelli)
Emma Bucelli - Cor Cordium (Photo: Emma Bucelli)

Terzo premio alla Foto “Iconica Amazon” di Daisy Peluso, 26 anni di Brindisi.

“Il progetto - racconta l’autrice - mette in scena la convergenza tra icone in un anacronismo applicato a immagini di forte influenza rinascimentale combinate con oggetti contemporanei, rappresentate in un duello estetico ed espressivo tra presente e passato”.

Secondo la commissione giudicatrice “Questa fotografia in chiaroscuro mostra un oggetto quotidiano da visuali e situazioni completamente inaspettate, che accompagnano l’osservatore a un nuovo modo di vedere. Un’immagine espressiva, quasi “caravaggesca”, il cui sfondo pone in risalto il soggetto e il suo abbigliamento, che affronta il tema della giovane generazione che si adegua alla nuova situazione in modo completamente diverso rispetto al passato. Riusciranno le nuove tecnologie ad apportare un cambiamento realmente positivo alle vite delle persone e delle società, offrendo valore condiviso?”.

Daisy Peluso - Iconica Amazon (Photo: Daisy Peluso)
Daisy Peluso - Iconica Amazon (Photo: Daisy Peluso)

Premio speciale della commissione giudicatrice al trittico “E quindi uscimmo a riveder le stelle” di Angela Virginia Vitolo. Questa la motivazione della giuria: “Lo sfondo complesso di questo trittico, rappresentato dal cellophane, pone l’accento non tanto sulla persona, quanto sui valori estetici dell’atmosfera compositiva pervasa di una misteriosa tensione. Attraverso queste immagini oniriche, sfumate, con contorni poco definiti, si prova così ad affrontare il problema della percezione dell’altro e della sua realtà, illustrato al di là della percettibilità delle fotografie stesse: un ricercato equilibrio di maturità artistica e capacità introspettiva, in grado di far trasparire la lotta dell’uomo con se stesso”.

Angela Virginia Vitolo - E quindi uscimmo a riveder le stelle (1) (Photo: Angela Virginia Vitolo)
Angela Virginia Vitolo - E quindi uscimmo a riveder le stelle (1) (Photo: Angela Virginia Vitolo)
Angela Virginia Vitolo - E quindi uscimmo a riveder le stelle (2) (Photo: Angela Virginia Vitolo)
Angela Virginia Vitolo - E quindi uscimmo a riveder le stelle (2) (Photo: Angela Virginia Vitolo)
Angela Virginia Vitolo - E quindi uscimmo a riveder le stelle (3) (Photo: Angela Virginia Vitolo)
Angela Virginia Vitolo - E quindi uscimmo a riveder le stelle (3) (Photo: Angela Virginia Vitolo)

Menzione speciale della commissione giudicatrice al Liceo Artistico “Angelo Musco” di Catania. Venti gli allievi di Sonia Giardina, docente di Laboratorio Audiovisivo Multimediale che hanno partecipato al Premio Fotografico: Denise Agata Barcellona, Annamaria Bonaccorsi, Francesco Bonanno, Domenico Samuele Castorina, Vanessa Castrogiovanni, Emiliano Cosentino, Alex Fiorito, Chirihen Gannouni, Erika Santa Giulini, Alessio Lo Re, Aurora Micale, Sara Montoro, Joele Musumeci, Elisabetta Pafumi, Barbara Roggio, Eliana Ruscica, Giovanna Russo, Davide Cristian Sammiceli, Samuele Veutro, Jennifer Vinciguerra. “Il progetto presentato dagli studenti e dalle studentesse del Liceo Artistico “Angelo Musco” di Catania centra appieno il tema del Premio Fotografico di quest’anno. Le fotografie appaiono infatti come uno specchio in grado di rivelare le loro caratteristiche più profonde, fatte di paure e speranze, in cui traspare nella loro interezza un senso di fiducia nel futuro, da progettare per sé e per gli altri. Le immagini sono state in grado di immagazzinare flash di momenti quotidiani, rendendoli iconici e dando anima a ogni loro sfaccettatura. Sono così emersi, con delicatezza, atteggiamenti e sensazioni in grado di creare un mondo migliore, fatto di gesti semplici e di desideri di libertà”.

La cerimonia di premiazione si svolgerà il 30 novembre, alle 16.30 in Cappella Farnese - Palazzo d’Accursio, piazza Maggiore 6 a Bologna.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli