Premio Strega, vince per la seconda volta Sandro Veronesi

webinfo@adnkronos.com
·9 minuto per la lettura

(di Paolo Martini)

E' Sandro Veronesi il vincitore del Premio Strega 2020, giunto alla LXXIV edizione. Lo scrittore ha conquistato 200 voti dei 605 votanti con il romanzo 'Il colibrì' (La Nave di Teseo). La proclamazione è stata annunciata dal presidente della giuria, Antonio Scurati, vincitore dell'edizione 2019 con 'M. Il figlio del secolo' (Bompiani), al termine dello scrutinio che si è tenuto questa sera al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia a Roma. "Mi auguro che l'anno prossimo, per la serata finale, Villa Giulia torni ad animarsi di quella folle vociante, sudante ed anche eccitata ed esaltata che è poi la cifra del Premio Strega" ha detto il presidente della giuria, facendo riferimento alle misure restrittive a cause dell'emergenza sanitaria da coronavirus che hanno permesso solo a un centinaio di ospiti di essere presenti rispetto al migliaio di partecipanti delle passate edizioni.

Per Veronesi, che era dato come superfavorito, è il secondo trionfo allo Strega: aveva già vinto 14 anni fa, nel 2006, con 'Caos calmo' (Bompiani). Prima di Veronesi solo un altro scrittore è stato incoronato vincitore due volte: Paolo Volponi nel 1965, con 'La macchina mondiale', e nel 1991, con 'La strada per Roma'. Anche un altro scrittore, Carlo Cassola, già vincitore con 'La ragazza di Bube' nel 1960, aveva tentato di bissare lo Strega ma non ci riuscì: avvenne nel 1971 con 'Paura e tristezza', ma il vincitore, in quell'occasione, fu Raffaello Brignetti con 'La spiaggia d'oro'.

"Tenere la posizione significa non arrendersi, il colibrì infatti è il simbolo dei guerrieri, di tutti coloro che non mollano mai", ha detto Sandro Veronesi parlando del suo romanzo durante la cerimonia con i sei finalisti, che è stata trasmessa in diretta su Raitre con la conduzione di Giorgio Zanchini. E come di consueto, il vincitore ha brindato bevendo alla bottiglia del Liquore Strega, storico sponsor del Premio.

Ha conquistato il secondo posto della sestina Gianrico Carofiglio con 'La misura del tempo' (Einaudi) con 132 voti; al terzo Valeria Parrella con 'Almarina' (Einaudi), con 86 voti; al quarto Gian Arturo Ferrari con 'Ragazzo italiano' (Feltrinelli), con 70 voti; al quinto Daniele Mencarelli con 'Tutto chiede salvezza' (Mondadori), con 67 voti; al sesto Jonathan Bazzi con 'Febbre' (Fandango Libri), con 50 voti. Su 660 aventi diritto, hanno espresso preferenze in 605 votanti. Dopo 21 anni, in finale allo Strega è arrivata una sestina invece della tradizionale cinquina per effetto della tutela dei piccoli editori contenuta nel regolamento. Non è la prima volta che giunge in finale una sestina: era accaduto per un ex aequo al quinto posto della prima votazione nel 1953, 1960, 1961, 1963, 1979, 1986 e 1999.

Rispettando le attuali prescrizioni governative in materia di distanziamento fisico, la serata finale non si è potuta svolgere alla presenza del pubblico consueto, composto dall'ampia giuria del premio e dagli altrettanto numerosi appassionati che ogni anno intervengono a Villa Giulia. Questo ha consentito di svolgere lo scrutinio dei voti di nuovo sulla balconata del Ninfeo, come nelle dieci edizioni svolte a partire dal 1953, il primo anno in cui lo Strega è stato assegnato nella cornice del Museo Etrusco. Le interviste televisive agli autori hanno avuto luogo sotto la cosiddetta Loggia dell'Ammannati. La giuria è composta da 400 Amici della domenica, 200 votanti all'estero selezionati da 20 Istituti italiani di cultura, 40 lettori forti selezionati da 20 librerie indipendenti e 20 voti collettivi di biblioteche, università e circoli di lettura (15 i circoli coordinati dalle Biblioteche di Roma), per un totale di 660 aventi diritto. Fra i nuovi Amici della domenica entrati quest’anno nella giuria del premio, gli scrittori Benedetta Cibrario e Alberto Rollo, finalisti rispettivamente nelle edizioni 2019 e 2017, lo storico e presidente della casa editrice Einaudi Walter Barberis, l'italianista Marco Bazzocchi,il direttore di Rai Uno Stefano Coletta, l'amministratore delegato di Marsilio Editori Luca De Michelis, il giornalista e portavoce del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Gianluca Lioni, la presidente della Fondazione MAXXI Giovanna Melandri, la presidente della Roma Lazio Film Commission Cristina Priarone, la giornalista e conduttrice radiofonica Alessandra Tedesco, lo storico dell'arte Vincenzo Trione.

"La serata finale di questa edizione dello Strega, ma innanzi tutto il lavoro svolto in questi mesi dagli autori - e non mi riferisco solo ai finalisti, ma a tutti i partecipanti allo Strega di quest'anno, che generosamente si sono resi disponibili a tanti incontri online con i votanti e con gli studenti e che stasera desidero ringraziare - hanno dimostrato quanto in questo momento siano importanti gli spunti di riflessione e le emozioni offerte dei libri, per afferrare il significato profondo del passaggio che stiamo attraversando e per recuperare i valori da cui ripartire e su cui costruire una comunità più coesa", ha dichiarato Giovanni Solimine, presidente della Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, che promuove il premio. "Siamo molto orgogliosi dell'edizione di quest'anno del Premio Strega - sottolinea a questo proposito Giuseppe D'Avino, presidente di Strega Alberti, storico sponsor fin dalla fondazione - Solo fino a qualche settimana fa non speravamo di poter allestire la finale al Museo Etrusco di Villa Giulia, e invece, anche se in forma ridotta e con tutte le precauzioni del caso, siamo riusciti a farlo. In qualche modo la situazione ricorda le primissime edizioni del premio: oggi come allora, dopo un periodo difficilissimo, un segnale di riscatto che viene dalla cultura e dalle imprese". "La nostra partnership con il Premio Strega va avanti ormai da diversi anni. Siamo oggi più che mai convinti del nostro sostegno, in particolare a una serie di iniziative per i giovani, ne è un esempio il Premio speciale Bper Banca ai finalisti dello Strega, a ciascuno dei quali va, per il terzo anno consecutivo, una scultura realizzata da un giovane artista vincitore di un concorso fra tutte le Accademie statali di Belle Arti italiane - ha dichiarato Stefano Rossetti, vice direttore generale vicario di Bper Banca - Ci hanno chiamato 'La banca che sa leggere', con riferimento in particolare alle numerose iniziative avviate e sostenute da Bper Banca in ambito culturale in molte parti d’Italia, a partire dal ciclo ormai decennale di 'Incontri con l'autore', che negli ultimi mesi si sono tradotti in una nuova modalità social, indotta dalla esigenza di distanziamento sociale, ma subito apprezzata da un vasto pubblico - spiega Rossetti - Tra l'altro, proprio grazie alla Fondazione Bellonci e al suo direttore Stefano Petrocchi, che li ha condotti, abbiamo realizzato sulla nostra piattaforma, nelle scorse settimane, quattro appuntamenti domenicali in streaming con tutti i dodici autori selezionati per lo Strega 2020".

Nel corso della serata Stefano Rossetti, vicedirettore generale vicario di Bper Banca, ha consegnato agli autori finalisti un riconoscimento speciale. Si tratta della scultura della giovane artista dell'Accademia di Belle Arti di Roma Sofia Felice, ispirata alla caratteristica 'S' del logo Strega, replicata per l'occasione in sei esemplari. L'opera è stata realizzata e selezionata grazie a un concorso di idee indetto dall’istituto di credito rivolto alle venti Accademie statali italiane di Belle Arti per la realizzazione di una scultura ispirata al mestiere di scrivere e all’importanza della promozione della lettura. Il vincitore Sandro Veronesi farà ora tappa in diverse località italiane particolarmente attive sul territorio nella promozione della lettura e che collaborano da anni con il Premio. Sarà ospite a: Il libro possibile, Polignano (9 luglio), Festival Armonia del Salento, Alessano (dal 10 al 12 luglio, un weekend dedicato ai dodici candidati del Premio); Come il vento nel mare, Cori (13 luglio); Festival Letteratura, Salerno (18 luglio); Una montagna di libri, Cortina d’Ampezzo (6/7 agosto), BeneventoCittà Spettacolo, dal 24 al 30 agosto, che martedì 25 ospiterà anche il vincitore del Premio Strega Giovani Daniele Mencarelli; La città dei lettori, Firenze (28 agosto, una giornata dedicata al Premio Strega, Premio Strega Giovani e Premio Strega Ragazze e Ragazzi); UlisseFest, Rimini(29 agosto). L’immagine che accompagna la LXXIV edizione del Premio Strega quest’anno è stata realizzata da Emiliano Ponzi, tra i più importanti disegnatori contemporanei, che ha immaginato, pur in continuità con l’urna disegnata da Mino Maccari nel 1947, una nuova Strega e un diverso rapporto di equilibrio con la Musa. L'illustrazione s'inserisce nel solco di un progetto inaugurato in occasione della settantesima edizione da Manuele Fior e proseguito da Franco Matticchio, Riccardo Guasco e Alessandro Baronciani.

Durante la cerimonia finale dello Strega è stato ricordato anche Andrea Camilleri, "un grande maestro della letteratura". Nella diretta televisiva su Raitre, Giorgio Zanchini ha presentato un breve omaggio dedicato al padre del commissario Montalbano, a quasi un anno dalla sua scomparsa (17 luglio del 2019). Nel filmato Camilleri pronuncia questa frase: "Mi è venuta una curiosità immensa: intuire cosa sia l'eternità, quell'eternità che ormai sento così vicina a me".

IL LIBRO - Il colibrì è tra gli uccelli più piccoli al mondo; ha la capacità di rimanere quasi immobile, a mezz'aria, grazie a un frenetico e rapidissimo battito alare (dai 12 agli 80 battiti al secondo). La sua apparente immobilità è frutto piuttosto di un lavoro vorticoso, che gli consente anche, oltre alla stasi assoluta, prodezze di volo inimmaginabili per altri uccelli come volare all'indietro... Marco Carrera, il protagonista, è il colibrì. La sua è una vita di perdite e di dolore; il suo passato sembra trascinarlo sempre più a fondo come un mulinello d'acqua. Eppure Marco Carrera non precipita: il suo è un movimento frenetico per rimanere saldo, fermo e, anzi, risalire, capace di straordinarie acrobazie esistenziali. Marco Carrera è - come il Pietro Paladini di 'Caos Calmo' - un personaggio talmente vivo e palpitante che è destinato a diventare compagno di viaggio nella vita del lettore. E, intorno a Marco Carrera, Veronesi costruisce un mondo intero, una galleria di personaggi indimenticabili, un'architettura romanzesca perfetta come i meccanismi di un orologio, che si muove tra i primi anni '70 e il nostro futuro prossimo - nel quale, proprio grazie allo sforzo del colibrì, splenderà l'Uomo Nuovo.

LA DEDICA - "Dedico questo premio alla mia famiglia, ai miei figli, a mia moglie, ai miei fratelli, ai miei amici, che mi hanno sostenuto e che hanno votato il libro, al mio editore, Elisabetta Sgarbi, e anche a Umberto Eco, che è stato generoso, fondando la casa editrice La Nave di Teseo" ha detto Sandro Veronesi. Su Twitter il regista Giovanni Veronesi, con ironia tutta toscana, ha così commentato la vittoria: "Immi' fratello ha vinto du vorteeeeeeeeeeeee".