Prendeva reddito cittadinanza al posto di un defunto, denunciato

·1 minuto per la lettura
(Getty Images)
(Getty Images)

Percepiva il reddito di cittadinanza destinato a una persona deceduta nel 2020. Per questo la Guardia di Finanza di Palermo ha denunciato un uomo di Corleone. In un primo momento l'attenzione degli investigatori si era concentrata sull'originario percettore dell'assegno sociale il quale non avrebbe avuto diritto alla prestazione poiché, al momento della presentazione dell'istanza, era sottoposto a misura cautelare.

VIDEO - Meloni "Il reddito di cittadinanza disincentiva il lavoro"

L'ulteriore approfondimento degli elementi acquisiti, anche mediante l'uso delle banche dati in uso al Corpo, ha permesso ai finanzieri di Corleone di rilevare che nel mese di gennaio 2021, successivamente al decesso del beneficiario del reddito di cittadinanza, il soggetto denunciato ha presentato, per conto del defunto, una nuova dichiarazione sostitutiva mirata a garantire il proseguimento dell'erogazione del beneficio, fino a scadenza prevista a giugno 2021.

I finanzieri hanno quindi proceduto a segnalare il soggetto per il reato di truffa aggravata, per aver indebitamente percepito, successivamente alla morte dell'originale beneficiario, redditi per complessivi 4.000 euro.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli