Prescrizione, Bonafede: io lavoro, entro 10 giorni riforma in Cdm

Roma, 5 feb. (askanews) - La prescrizione continua ad agitare la maggioranza. "Entro 10 giorni" il disegno di legge sulla riforma del processo penale sarà portato in Consiglio dei ministri" ha riferito il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede a margine dell'inaugurazione dell'anno giudiziario della giustizia amministrativa, cercando di mettere a tacere le polemiche dopo che Matteo Renzi, in un'intervista a Repubblica, ha detto chiaramente: "In un modo o nell'altro fermeremo questa legge. Credo senza ricorrere alla mozione di sfiducia: molleranno prima", "i numeri non ci sono... Sulla prescrizione dovranno cedere".

"La riforma è pronta da un anno, è stata cambiata da questa maggioranza, ci siamo trovati d'accordo, il mio impegno è questo: io porto la riforma del processo penale per abbreviare i tempi del processo in Consiglio dei ministri, poi lì ciascuno si prende le proprie responsabilià e decide di negare

agli italiani un processo penale che abbia tempi brevi, ragionevoli e nei limiti del possibile certi. Questo è il mio lavoro da ministro della Giustizia e lo porterò all'attenzione del Cdm".

Poi un avvertimento, pur non citando mai Matteo Renzi o Italia Viva.

"Ai cittadini interessa che la maggioranza stia lavorando poi se c'è qualcuno che si comporta come se fosse all'opposizione...ma io non posso tutti i giorni impiegare il mio tempo per rispondere a chi è nella maggioranza e si comporta come se fosse all'opposizione: a volte ho il dubbio che i testi glieli scriva Salvini o Berlusconi, io vado avanti a lavorare con spirito di dedizione, noi stiamo lavorando senza sosta, ciascuno si ricordi di essere in maggioranza perché poi a quel tavolo non c'è stata mai rigidità, il lodo Conte è frutto di una mediazione portata avanti dal presidente del Consiglio".