Prescrizione, Businarolo: proposta Costa dannoso passo indietro

Pol/Bac

Roma, 27 gen. (askanews) - "L'Aula respinga la proposta di legge Costa sulla prescrizione del reato. Quel testo, approfonditamente esaminato dalla Commissione che lo ha bocciato, vuole cancellare la norma esistente contenuta nella legge anti-corruzione e vuole reintrodurre la rinuncia dello Stato a far valere la pretesa punitiva in considerazione del tempo trascorso dalla commissione del reato. Sarebbe un dannoso passo indietro". Lo afferma Francesca Businarolo, presidente della commissione Giustizia, in merito alla discussione generale.

"La proposta - aggiunge - ha un evidente, sebbene legittima, intenzione politica, quella di incunearsi nell'importante sforzo di mediazione all'interno della maggioranza in corso in queste ore, nel quale è impegnato personalmente il Presidente Conte, allo scopo di definire una riforma del processo penale che tenga debitamente conto dei tempi della giustizia, in modo da dare risposte a chi ritiene che il taglio della prescrizione in vigore posso portare a processi infiniti. In ogni caso, dal punto di vista tecnico, la proposta di legge Costa prevede la mera abrogazione di una norma del nostro ordinamento entrata in vigore lo scorso 1° gennaio 2020 e ciò non comporterebbe affatto l'automatica reintroduzione della norma precedente. In sostanza, si aprirebbe solo un vuoto normativo", concludeBusinarolo.