Prescrizione, Conte:lodo supera norma Bonafede, perché sfiducia?

Bar

Roma, 13 feb. (askanews) - Il presidente del consiglio, Giuseppe Conte, ha difeso il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, conversando con i cronisti a margine di un convegno dell'Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti. "Come può un compagno di viaggio ipotizzare una sfiducia? Non è solo il capo delegazione del partito di maggioranza relativa ma un ministro - ha detto il capo del governo - che tutti abbiamo lodato per la riforma del processo civile e col quale stiamo lavorando alla riforma di quello penale".

La norma sulla prescrizione "può non piacere - ha sottolineato - ma lui si è reso disponibile a cambiarla, si è arrivato al lodo Conte e poi a quello che avete chiamato lodo Conte bis. Quindi non c'è nemmeno più la norma nell'ambito di quell'accordo".

"Lo si insulta per cosa?", si è chiesto il premier sempre a proposito delle polemiche anche interne alla maggioranza contro il guardasigilli. "Perché da giovane, non lo so, ha fatto qualche serata in discoteca da dj? Io l'ho conosciuto perché ha fatto un dottorato di ricerca a Pisa".