Prescrizione, Mulè: riforma Bonafede orrenda e sbagliata

Pol/Vep

Roma, 17 gen. (askanews) - "La riforma Bonafede della prescrizione è orrenda e sbagliata: non tiene conto della mancanza di personale nei Tribunali (il ministro Bonafede deve ancora firmare i decreti per l'assunzione di 400 Magistrati); non tiene conto degli oltre 1.000 cittadini italiani che ogni anno hanno ricevuto l'indennizzo per ingiusta detenzione (oltre 26mila negli ultimi 25 anni) vivendo sulla propria pelle il cancro della lentezza della giustizia vedendo rovinata vita sociale, personale e familiare; non tiene conto del fatto che la maggior parte dei reati (circa il 70%) si prescrivono nelle fasi preliminari del processo. Quindi: il problema è all'origine nella lentezza cronica del sistema giudiziario. Questa riforma targata M5S e sostenuta dal Pd nega sia una giustizia certa che la presunzione di innocenza ponendo fine allo Stato di diritto". Così Giorgio Mulè, deputato di Forza Italia e portavoce unico di Camera e Senato, intervenendo a Coffee Break su La7.