Prescrizione, Renzi: numeri non ci sono, su riforma dovranno cedere

Vep

Roma, 5 feb. (askanews) - "In un modo o nell'altro fermeremo questa legge. Credo senza ricorrere alla mozione di sfiducia: molleranno prima", "i numeri non ci sono. Punto. Sulla prescrizione dovranno cedere. Come lo faranno e in che tempi è un problema del premier. Io so che molleranno". Lo afferma in un'intervista a Repubblica il leader di Italia Viva Matteo Renzi a proposito della riforma della prescrizione. "In questo Parlamento i numeri sono chiari" e il ministro Bonafede "è nettamente in minoranza" aggiunge osservando che "la linea attendista del Pd ha ormai pochi giorni di autonomia". "Non ci sono bersagli nascosti, ma uno palese: il giustizialismo", osserva.

Insomma, i gruppi parlamentari sono "gli stessi che un anno fa presentarono la pregiudiziale di incostituzionalità contro la riforma", i dem ora "dovranno votare in Aula scegliendo tra la Orlando e la Bonafede". "Non siamo noi ad aver cambiato schieramento ma il Pd ad aver cambiato idea sulla legge del suo vicesegretario Orlando" conclude Renzi.