I presepai di Napoli chiedono aiuti economici al governo

·2 minuto per la lettura
San Gregorio Armeno lettera
San Gregorio Armeno lettera

Gli artigiani della storica via di San Gregorio Armeno hanno scritto una lettera al governatore De Luca e al Premier Conte chiedendo aiuti economici. Senza sussidi, hanno spiegato i mastri presepai, le loro botteghe rischiano di chiudere per sempre.

La lettera degli artigiani di San Gregorio Armeno

A inviare la richiesta è stato il presidente dell’Associazione di Promozione Sociale “Le Botteghe di San Gregorio Armeno” Gabriele Casillo. La denuncia dei lavoratori è quella di essere “completamente dimenticati dal governo centrale nell’ultimo Decreto Ristori“. Per le categorie degli artigiani e dei commercianti non è infatti previsto alcun contributo né sgravio fiscale nonostante il turismo sia completamente fermo e i centri storici vuoti.

Una situazione tanto più grave per i presepai che hanno la maggior parte dei loro incassi nel periodo che va dall’1 novembre al 6 gennaio. “Ne deduciamo che le trentotto botteghe devono sopravvivere per almeno cinque mesi registrando incassi ai minimi storici, spesso pari a zero, dovendo pagare affitti, tasse, contributi e utenze“, ha lamentato Casillo. Una condizione insostenibile per gli artigiani, già reduci da otto mesi difficilissimi.

Bisogna rendersi conto che è davvero urgente fare qualcosa, altrimenti molte di queste attività non ce la faranno. E provate solo ad immaginare l’impatto culturale, sociale, economico che ne deriverebbe“, continua la lettera. Di qui l’enunciazione delle loro richieste e proposte di intervento per il settore:

  • contributi a fondo perduto a lungo termine che permettano di sostenere almeno i costi fissi

  • credito d’imposta sul canone degli affitti da destinare ai proprietari e non agli affittuari

  • sospensione di tasse e contributi

  • sconti sulla fornitura di energia elettrica

  • possibilità di accedere al finanziamento dei 25.000 euro anche per i cattivi pagatori.

Dopo aver denunciato la mancanza di ascolto e considerazione da parte del governatore della Campania, Casillo ha concluso affermando che “se anche stavolta ci ignorerete le conseguenze saranno drastiche ed oltre a rovinare l’unicità di una delle dieci strade più famose al mondo, vi accorgerete prima o poi di aver rovinato numerose attività dei centri storici, le famiglie ad esse connesse e le vite di tanta, tantissima gente“.