Presepe napoletano, assessore Lombardia: Bergamo soluzione condivisa

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 24 dic. (askanews) - Non c'è mai stato nessun no da parte della Regione Lombardia: la decisione di destinare a Bergamo il presepe napoletano donato dalla Regione Campania è frutto di una "soluzione condivisa". La precisazione arriva dall'assessore lombardo al Turismo, Lara Magoni, dopo le indiscrezioni di stampa che hanno parlato di un "rifiuto" dell'amministrazione regionale lombarda.

L'assessore della giunta Fontana chiarisce che il presepe donato dalla Campania è stato accolto come "un pensiero molto apprezzato, di affetto e di unione, soprattutto dopo un anno tragico come quello che la nostra Italia e la nostra Lombardia hanno vissuto". Il problema, spiega Magoni, è sorto dopo una "verifica di natura tecnica che ha evidenziato come la procedura campana prevedesse un'assegnazione a partire dal 18 dicembre, tempo quindi non utile per un'iniziativa regionale". Così, "sono stata io stessa a ringraziare l'assessore Felice Casucci per l'idea, rappresentandogli tutta la questione legata ai tempi stretti".

Nessun rifiuto lombardo, dunque. Al contrario, sottolinea ancora Magoni "da assessore lombardo e da bergamasca gli ho suggerito di valutare Bergamo per questo meraviglioso dono: abbiamo entrambi convenuto infatti che fosse particolarmente significativo portare nella città simbolo del Covid il presepe, come messaggio di speranza e simbolo di rinascita per la nostra Bergamo".

E perciò nessuna polemica lungo l'asse Milano-Napoli: a testimoniarlo, assicura Magoni, è una lettera che il suo omologo campano le ha inviato proprio oggi. "Il tono cortese della nostra conversazione telefonica - scrive l'assessore al turismo Casucci nella missiva - escludeva un rifiuto dell'iniziativa assunta dalla Regione Campania per promuoverne le eccellenze artigianali e gli attrattori turistici. La Tua indicazione di Bergamo come sede ideale del presepio napoletano è stata da noi colta attraverso un contatto diretto con la Città e il suo Sindaco, che ha manifestato sincero entusiasmo per l'idea".