Presi i presunti killer del presidente Moise, Haiti nel caos totale

·1 minuto per la lettura
A Haitian police officer stands guard outside of the presidential residence on July 7, 2021 in Port-au-Prince, Haiti. - Haiti President Jovenel Moise was assassinated and his wife wounded early July 7, 2021 in an attack at their home, the interim prime minister announced, an act that risks further destabilizing the Caribbean nation beset by gang violence and political volatility. Claude Joseph said he was now in charge of the country and urged the public to remain calm, while insisting the police and army would ensure the population's safety.The capital Port-au-prince as quiet on Wednesday morning with no extra security forces on patrol, witnesses reported. (Photo by VALERIE BAERISWYL / AFP) (Photo by VALERIE BAERISWYL/AFP via Getty Images) (Photo: VALERIE BAERISWYL via Getty Images)
A Haitian police officer stands guard outside of the presidential residence on July 7, 2021 in Port-au-Prince, Haiti. - Haiti President Jovenel Moise was assassinated and his wife wounded early July 7, 2021 in an attack at their home, the interim prime minister announced, an act that risks further destabilizing the Caribbean nation beset by gang violence and political volatility. Claude Joseph said he was now in charge of the country and urged the public to remain calm, while insisting the police and army would ensure the population's safety.The capital Port-au-prince as quiet on Wednesday morning with no extra security forces on patrol, witnesses reported. (Photo by VALERIE BAERISWYL / AFP) (Photo by VALERIE BAERISWYL/AFP via Getty Images) (Photo: VALERIE BAERISWYL via Getty Images)

La polizia di Haiti ha ucciso quattro “mercenari” e ne ha arrestati altri due, ritenuti responsabili dell’agguato costato la vita all’ex presidente Jovenel Moise. Tuttavia ha precisato di non aver identificato i sospetti né di aver fatto luce sul movente dell’agguato nell’abitazione del capo di Stato, in cui è stata ferita gravemente la First Lady Martine.

Tre poliziotti che erano stati presi come ostaggi sono stati liberati, ha detto il direttore generale della polizia di Haiti, Leon Charles, assicurando che la morte di Moise “non resterà impunita”.

Il primo ministro ad interim, Claude Joseph, aveva subito reso noto che il commando era composto da “stranieri che parlavano inglese e spagnolo” e l’ambasciatore di Haiti a Washington, Bocchit Edmond, che di tratta di mercenari “professionisti” travestiti da agenti del Dipartimento antidroga degli Stati Uniti. “Abbiamo un video e crediamo che questi siano mercenari”, ha aggiunto.

Moise governava Haiti per decreto dopo il rinvio delle elezioni politiche del 2018. Il Paese è alle prese con una gravissima crisi economica e negli ultimi mesi sono aumentati i sequestri di persona per ottenere un riscatto. L’omicidio è avvenuto dopo che Moise aveva nominato come primo ministro Ariel Henry, un neurochirurgo che ha studiato in Francia. Sebbene sia considerato vicino all’opposizione, la sua nomina non era stata accettata bene dalla maggior parte dei partiti che la compongono di opposizione, che hanno continuato a chiedere le dimissioni di Moise, la cui legittimità nel ruolo di presidente era stata messa in discussione più volte.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Leggi anche...

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli