Presidente Guatemala: la tempesta Eta ha provocato 50 morti

Alp
·1 minuto per la lettura

Milano, 6 nov. (askanews) - Il presidente del Guatemala, Alejandro Giammattei, ha annunciato che sono 50 i morti causati dalla tempesta Eta che si è abbattuta sul Paese. Lo riferiscono i quotidiani locali, spiegando che 25 persone sarebbero rimaste uccise da una frana che ha travolto il villaggio di Quejá, nei pressi di San Cristóbal Verapaz, dove i soccorritori non sarebbero ancora riusciti ad arrivare perché la strada è interrotta. Tra mercoledì e giovedì altre vittime si erano registrate a Huehuetenango, a Quiché e nella capitale. Giammattei si è recato in visita nella zona di Morales, nel dipartimento di Izabal, preannunciando che saranno inviati elicotteri e aerei per portare soccorsi e aiuti a tutte le comunità rimaste isolate. Secondo le previsioni, la pioggia potrebbe continuare fino a sabato ma il presidente ha dichiarato che la quantità d'acqua sta progressivamente diminuendo, anche se i fiumi continuano per ora ad ingrossarsi esondando e trascinando alberi e rocce. Eta, che Giammattei ha paragonato alla tempesta Mitch del 1998, dovrebbe spostarsi nelle prossime ore verso il Belize e il Golfo del Messico.