Presidente Sri Lanka: situazione economica critica, chiediamo aiuto

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 26 mag. (askanews) - Il contestato presidente dello Sri Lanka, Gotabaya Rajapaksa, ha lanciato oggi una richiesta di aiuto alla comunità internazionale per affrontare la crisi che ha portato il suo paese sull'orlo del baratro economico, mentre le strade dell'isola sono attraversate da proteste che chiedono a lui e al suo clan di mollare il potere.

"Chiediamo urgentemente assistenza ai nostri amici nella comunità internazionale per rispondere alle esigenze immediate", ha detto Rajapaksa in un discorso registrato trasmesso nel primo giorno della conferenza "The Future of Asia" organizzata dal giornale giapponese Nikkei.

"Stiamo affrontato una grave crisi economica, che ha profondamente impattato sulle vite di tutti gli abitanti dello Sri Lanka, avendo come conseguenza una rivolta sociale", ha detto Rajapaksa.

Il paese dell'Asia meridionale è in profonda crisi economica. L'agenzia di rating Fitch la scorsa settimana ha proceduto con un downgrade del suo rating in valuta estera al livello di default. Colombo sta consumando le sue riserve in valuta estera, mentre l'inflazione e l'indebitamento schizzano in alto. Nell'economia reale, l'industria del turismo soffre ancora dell'effetto della pandemia Covid-19 ed è quindi ferma.

A inizio maggio il fratello maggiore del presidente, il primo ministro Mahinda Rajapaksa, si è dovuto dimettere per le proteste di piazza, che chiedono anche le dimissioni del capo dello stato. "Abbiamo nominato - ha detto Rajapaksa - un nuovo primo minsitro e un governo di ministri che rappresentano diversi partiti politici".

Il nuovo esecutivo d'emergenza è guidato Ranil Wickramasinghe, che fa parte del principale partito dell'opposizione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli