Prete anti-Salvini: “L’arcivescovo di Milano è con me”

Prete anti-Salvini: “L’arcivescovo di Milano è con me”

Don De Capitani, meglio conosciuto come prete anti-Salvini, è stato querelato e condannato per i suoi attacchi pubblici diretti al leader della Lega. Ora, dopo la visita dell’arcivescovo di Milano, sembra aver dichiarato qualcosa che non rispecchia (pienamente) la realtà dei fatti.

Prete anti-Salvini, la visita dell’arcivescovo

Nella giornata di domenica 24 novembre, il prete anti-Salvini ha ricevuto presso la sua abitazione a Valletta Brianza la visita di Mario Delpini, arcivescovo di Milano. Don De Capitano, a causa dei numerosi attacchi diffamatori e vessatori all’ex ministro degli interni, è stato condannato al risarcimento dei danni morali per una cifra pari a 7 mila euro. Dopo l’incontro con l’arcivescovo, ha dichiarato sul proprio sito online: “Con una visita personale l’arcivescovo ha espresso esplicitamente la sua solidarietà personale nei miei riguardi. Non è difficile vedervi una scelta esplicita della Curia milanese che ha preferito solidarizzare con un prete anti salviniano nell’anima e nel corpo. Ci è voluta una condanna pesante perché accadesse il miracolo“.

La ricostruzione di Don De Capitani, però, non sembra trovare conferme visto che il portavoce (Don Walter Magni) dell’arcivescovo di Milano ha affermato che si è trattato semplicemente di una visita ad un prete anziano come spesso accade durante l’anno. Il prete anti-Salvini non si è limitato a esternare la vicinanza della Curia milanese, ma ha annunciato che quest’ultima si impegnerà a pagare le spese legali per la condanna inflittagli. Su questo punto, Don Walter Magni non ha voluto rilasciare alcun commento.