Prima Biobanca nazionale Sla: nominati i vertici

red/rus

Roma, 18 nov. (askanews) - Sono stati nominati i vertici della prima Biobanca Nazionale sulla SLA creata da AISLA, Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica, Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS e Xbiogem, per conservare tessuti biologici necessari alla ricerca dedicata alla SLA e aperta a tutti gli scienziati nel mondo: il direttore è Mario Sabatelli, neurologo, responsabile dell'area adulti del Centro Clinico NeMO presso il Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS; il responsabile del comitato scientifico è Paolo Annunziato, economista, persona con SLA, già direttore del Consiglio Nazionale delle Ricerche, CNR e presidente del Centro Italiano Ricerche Aerospaziali, CIRA. Il referente del Sistema gestione per la qualità è Alberto Fiore (Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS), i membri del comitato scientifico, oltre a Paolo Annunziato, sono Maria Rosaria Monsurrò (Seconda Università degli Studi di Napoli), Claudia Caponnetto (IRCCS Ospedale Policlinico San Martino di Genova) Serena Lattante (Università Cattolica del Sacro Cuore) e Giuseppe Marangi (Università Cattolica del Sacro Cuore). I vertici della Biobanca Nazionale sulla SLA sono stati nominati da Aisla e dalla Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS. Grazie alla Biobanca Nazionale sulla SLA, inaugurata nel giugno del 2019 al Policlinico Gemelli di Roma, alla presenza del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, i ricercatori impegnati nella lotta alla SLA, per la prima volta in Italia, possono oggi contare su questa struttura che consente di conservare tessuti biologici necessari alla ricerca.(Segue)

Il nostro obiettivo è quello di creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano interagire tra loro sulla base di interessi e passioni comuni. Per migliorare l’esperienza della nostra community abbiamo sospeso temporaneamente i commenti agli articoli.