Prima Biobanca nazionale Sla: nominati i vertici -3-

red/rus

Roma, 18 nov. (askanews) - La Biobanca è stata pensata per poter ricevere e stoccare i campioni biologici dai centri clinici, secondo criteri standard ottimali per la ricerca scientifica, per poterli poi condividere e inviare ai ricercatori che ne fanno richiesta. La disponibilità di campioni biologici di persone affette da SLA, raccolti secondo standard internazionali e nel rispetto delle norme sulla privacy (i campioni sono catalogati in modo anonimo) è fondamentale per condurre ricerche scientifiche su questa patologia, per conoscere meglio i meccanismi della malattia, individuare nuovi target terapeutici, verificare in vitro gli effetti di nuove molecole, e identificare marker della patologia. La creazione e l'avvio delle attività della Biobanca Nazionale SLA sono stati possibile grazie alla donazione di 300.000 euro di Selex Gruppo Commerciale, terza realtà italiana della distribuzione moderna.