"Prima che Pablito se ne andasse, gli ho preso la mano e me la sono messa sulla testa"

·2 minuto per la lettura
"Prima che Pablito se ne andasse, gli ho preso la mano e me la sono messa sulla testa"

“Lo amerò per l’eternità, perché Pablito non si può dimenticare,ma nemmeno Paolo”, così Federica Cappelletti racconta l’amore della vita, Paolo Rossi, in un lungo articolo pubblicato su “Sportweek”, il settimanale della Gazzetta dello Sport. Federica ripercorre gli ultimi istanti della vita di Rossi.

“Sono stati attimi disumani, atroci, nei quali avevo in pugno la sua e la mia vita. Lasciarlo andare avrebbe significato non vedere più i suoi occhi, la sua bocca, i suoi capelli che ho tanto accarezzato, i suoi piedi gentili; avrebbe voluto dire non poterlo più toccare, non sentire più la sua voce rassicurante e la sua risata felice. Così ho preso la sua mano e me la sono appoggiata sopra la testa,per sentire ancora una volta la sua protezione”.

Poco dopo Paolo era andato via.

“Ho avuto la sensazione che in pochi istanti fosse davvero uscito da quel corpo, un corpo che aveva già perso colore e vibrazioni. Anche il profumo della sua pelle era sfumato”.

Del funerale nel Duomo di Vicenza ricorda soprattutto il dolore dei calciatori di quella Nazionale del 1982 a cui era rimasto sempre legato.

“Paolo - scrive Federica - amava i suoi amici, quelli scelti fuori dal calcio ma anche la sua “squadra”. I ragazzi dell’82 con i quali conservava una chat e si sentiva ogni giorno. Il primo messaggio, dopo la sua morte, è stato proprio per loro. Non ne potevo fare ameno. Non me lo avrebbero perdonato. E, forse, nemmeno Paolo me lo avrebbe perdonato se non lo avessi inviato. Perché sapevo quanto voleva rivederli e riabbracciarli.Perché sapevo quanto ci teneva a tutti loro”.

Ognuno ha avuto una reazione: Marco Tardelli, ad esempio, come racconta Federica “non riusciva più nemmeno a parlare, Antonio Cabrini ha singhiozzato sopra la bara di suo fratello Paolino,...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli