Prima della chiusura totale, molti italiani cercano l'ultimo appuntamento da estetisti e parrucchieri

·2 minuto per la lettura
zona rossa parrucchieri
zona rossa parrucchieri

Da lunedì 15 Marzo 2021 in molte regioni scatterà la Zona Rossa. E la conseguente chiusura di parrucchieri, barbieri e centri estetici sta angustiando gli italiani: la corsa ad un appuntamento prima dello stop forzato è sempre più evidente. Le maggiori richieste riguardano tinta, taglio, messa in piega, unghie e cerette.

Molti esercenti affermano che la frase più ascoltata durante le telefonate dei clienti è: “Non voglio rimanere fregato come lo scorso lockdown”. Un parrucchiere ricorda come il lockdown del 2020 fece molta più paura tanto che la preoccupazione maggiore fu accaparrarsi cibo e medicinali. “Questa volta è diverso” continua l’esercente “i clienti sanno cosa li aspetta e molti sono stati davvero a disagio in quelle lunghe settimane. Le signore soprattutto per le ricrescite, trovarsi con i capelli bianchi non è mai piacevole. Ma anche gli uomini ne hanno risentito, soprattutto coloro che portano tagli molto corti”.

In queste ultime ore, le richieste sono molto elevate e difficilmente tutti potranno essere accontentati. Tanti esercenti però hanno deciso di allargare i propri orari di apertura proprio per cercare di soddisfare il maggior numero possibili di clienti.

Zona Rossa: corsa ai parrucchieri

L’aumento maggiore di appuntamenti avviene specialmente nei centri storici delle principali città. A Roma, per esempio, un dipendente spiega che in molti sono in smart working e sono aumentati gli appuntamenti. Ma precisa che in ogni caso “siamo lontani dai fine settimana d’oro dell’era precovid”.

La preoccupazione per la chiusura è comprensibilmente molto alta. Secondo le stime dell’Associazione degli artigiani, solo per Roma Capitale la perdita, sarà di oltre 29 milioni e mezzo di euro: 23 milioni e 400 mila euro per le attività di acconciatore e 6 milioni e 500 mila euro per le attività di Estetica.