Prima delle nozze annunciate, Fca e Psa reggono bene alla crisi

·3 minuto per la lettura

AGI - Prima di convolare a nozze, Fiat Chrysler e la francese Psa (Peugeot, Citroën, Opel) hanno superato bene la crisi del mercato automobilistico nel terzo trimestre e si dicono fiduciose che Bruxelles darà il via libera al loro progetto di fusione per creare Stellantis, il quarto costruttore automobilistico al mondo in termini di volumi.

Fca, come è andato il III trimestre

Vittima nella prima metà dell'anno del crollo del mercato dell'auto innescato dalla pandemia di coronavirus, Fca è tornata in utile nel terzo trimestre, con un risultato migliore delle attese: 1,2 miliardi di euro, contro una perdita di 1,04 miliardi registrata nel secondo trimestre e un utile di 582 milioni di euro previsto dagli analisti di Factset Estimates. 

I ricavi del gruppo - che comprende i marchi Fiat, Chrysler, Jeep, Maserati, Alfa Romeo, Dodge e Ram - sono invece calati del 6% a 25,8 miliardi di euro, ma anche questo risultato è migliore di quanto previsto (25,16 miliardi). 

Da luglio a settembre, Fca ha venduto 1,026 miliardi di veicoli (in calo del 3% su base annua), con un netto ribasso in Asia (-29%), più leggero in Nord America (-8%), ma un ripresa nella regione Europa-Medio Oriente-Africa (+10%). 

"Ancora una volta, il nostro team ha dimostrato la sua straordinaria capacità di recupero e creatività e con la fusione (con Psa) che molto presto darà vita a 'Stellantis', siamo più forti e concentrati sull'obiettivo di creare valore significativo per tutti i nostri azionisti", ha affermato l'ad Mike Manley


Psa e il caso Faurecia

Psa, dal canto suo, ha visto i suoi ricavi diminuire dello 0,8% a 15,5 miliardi di euro. Il trimestre del gruppo è stato particolarmente influenzato dalla controllata Faurecia, società di componentistica, il cui fatturato è diminuito del 7,4%. Psa ha annunciato oggi che venderà il 7% del capitale di Faurecia prima della fusione con Fiat Chrysler. 

Il gruppo francese ha venduto meno veicoli (-12,7% con 589.000 unità nel mondo) ma li ha venduti a un prezzo più alto, privilegiando "redditività e generazione di cassa". Pertanto, il fatturato della divisione automobilistica è aumentato dell'1,2%.

Con un basso stock di veicoli e un portafoglio ordini completo, Psa dovrebbe aumentare la sua produzione negli ultimi mesi dell'anno, ha affermato il suo chief financial officer, Philippe de Rovira, durante una teleconferenza con gli analisti. Psa ha sottolineato di mantenere i propri obiettivi finanziari per il 2020, nonostante l'arrivo della seconda ondata di Covid.

Gli ultimi preparativi prima delle nozze 

Per quanto riguarda il loro 'matrimonio', Fca e Psa prevedono di raggiungere "un risultato soddisfacente con la Commissione europea nei tempi fissati per la fusione", ha affermato Mike Manley durante una conference call con gli analisti. "La fase due dell'indagine della Commissione europea è in corso e sono felice di dire che finora abbiamo avuto discussioni molto costruttive", ha aggiunto, aggiungendo che "i preparativi per la fusione vanno avanti estremamente bene e il nostro obiettivo condiviso di chiudere entro il primo trimestre del 2021 rimane intatto".     

A fine settembre i due gruppi hanno fatto alla Commissione delle concessioni per fugare ogni timore su eventuali danni alla concorrenza, che "dovrebbero consentire loro di avere il via libera", secondo fonti concordanti. La decisione di Bruxelles è attesa al più tardi il 2 febbraio. 

Secondo diverse fonti vicine al dossier citate dalla AFP, queste “concessioni” riguardano il redditizio settore dei veicoli commerciali, considerato problematico dalla Commissione, dove Psa e Fca insieme detengono oltre il 34% della quota di mercato. La soluzione proposta sarebbe quella di produrre utilities nelle loro fabbriche con il nome di un altro marchio (in questo caso Toyota), hanno riferito le stesse fonti.

Psa produce già veicoli Toyota in due stabilimenti. Una seconda concessione è quella di aprire ai loro concorrenti le reti di officine autorizzate di Fiat e Peugeot.