Prima la speranza del ritorno in campo e poi la certezza che non sarà per ora ma fra 6 settimane

Paul Pogba
Paul Pogba

Il mister Max Allegri ha ben poco di che stare allegro e con lui tutti i tifosi della Vecchia Signora, doccia scozzese per la Juventus e mazzata finale, Paul Pogba deve operarsi. Prima le speranza del ritorno in campo e poi la certezza che non sarà per ora ma fra forse 6 settimane. In poche ore si è passati dalla notizia di un possibile ritorno dopo l’infortunio subito durante la tournée estiva alla “notiziaccia” dell’esito negativo del test. Le condizioni del giocatore che a causa di una lesione del menisco laterale aveva deciso inizialmente di non operarsi erano al centro dell’attenzione di team e popolo bianconero ma dopo l’esito negativo del test e il giocatore ha deciso di operarsi.

Mazzata Juventus, Pogba deve operarsi

Sky ne è certa: il centrocampista francese potrebbe star fermo addirittura per non meno di 6 settimane. La sola consolazione è che Pogba, anche al netto di condizioni ipoteticamente non eccelse, non salterebbe gli appuntamento clou come i Mondiali di Qatar 2022 ed i match decisivi per la stagione della Juventus prima della fine dell’anno. La terapia conservativa non ha sortito effetti e Pogba non ha recuperato. A breve la società torinese diramerà i tempi di recupero ufficiali.

Il consulto dal professor Sonnery-Cottet

Il consulto dello staff medicodella Juventus era sfociato in una visita da un asso della medicina sportiva, il professor Bertrand Sonnery-Cottet in Francia. Al netto dei consulti Pogba viene portato sotto i ferri per cercare di tamponare quanto prima al tempo perduto. Quello che è in campo è un intervento di meniscectomia, pare preferito alla più complessa sutura meniscale con stampelle ed assenza di 3-4 mesi e con possibilità di toccare i cinque.