Primi stadi di Ariane 6 in viaggio verso lo spazioporto di Kourou

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 4 gen. (askanews) - Il lanciatore Ariane 6 si appresta ad affrontare importanti test in vista del lancio inaugurale in programma quest'anno. Lo stadio centrale e lo stadio superiore dell'Ariane 6 sono ora in viaggio verso lo spazioporto europeo di Kourou in Guyana Francese. Dopo l'assemblaggio finale presso il sito di ArianeGroup a Les Mureaux e il completamento di tutti i test di accettazione funzionale, lo stadio centrale è stato portato al porto francese di Le Havre. La nave ha poi navigato verso Brema, in Germania, per caricare lo stadio superiore - assemblato e ispezionato in loco da ArianeGroup - prima di salpare per la Guyana francese. L'arrivo dei due stadi allo spazioporto europeo in Guyana Francese è previsto a metà gennaio. Questo prototipo di Ariane 6 - informa ArianeGroup - è destinato ai test combinati del lanciatore con la sua nuova piattaforma di lancio, costruita dall'agenzia spaziale francese CNES.

"Questo primo incontro tra il nuovo razzo europeo e la sua rampa di lancio è un passo decisivo nello sviluppo di Ariane 6", ha detto Franck Huiban, responsabile dei programmi civili di ArianeGroup. "I team di ESA, CNES e ArianeGroup stanno lavorando senza sosta per preparare i test combinati nella Guyana francese, compresi i test di fuoco dello stadio centrale condotti direttamente sulla piattaforma di lancio. Allo stesso tempo, si stanno preparando per le prove di fuoco dello stadio superiore da effettuare insieme al DLR a Lampoldshausen in Germania. Il successo di questi test dimostrerà la robustezza e l'efficienza del sistema di lancio Ariane 6. È essenziale anticipare tutti i rischi possibili e completare tutti i controlli in condizioni il più possibile simili a quelle del lancio effettivo, per massimizzare le possibilità di successo del volo inaugurale di Ariane 6. Gli stadi del primo modello di volo sono già integrati nei nostri stabilimenti in Francia e in Germania".

Quando raggiungeranno lo spazioporto europeo, gli stadi di prova combinata saranno integrati orizzontalmente in Ariane 6. Una volta che lo stadio superiore sarà integrato allo stadio centrale, Ariane 6 sarà portato in posizione verticale, quindi installato dentro il portale mobile, prima di essere dotato dei booster a propellente solido. Questo è un cambiamento importante rispetto all'Ariane 5, perché l'Ariane 6 riceve i suoi booster a propellente solido e il modulo superiore (compresi la carenatura e il carico utile) direttamente sulla piattaforma di lancio, dentro il portale mobile. Per i test combinati, dato che i booster non devono essere sparati, saranno riempiti con un materiale inerte, ma riprodurranno il peso e le dimensioni reali e permetteranno di testare le operazioni di attracco al lanciatore.

Ariane 6 non decollerà durante i test combinati, ma lo stadio principale effettuerà la prova di fuoco e il motore Vulcain 2.1 sarà acceso più volte sulla piattaforma di lancio che servirà da banco di prova. Lo scopo dei test combinati è testare tutte le interfacce e le corrette comunicazioni tra il lanciatore Ariane 6 e le strutture di terra del nuovo Ariane 6 (Base di Lancio). Saranno testati anche il software di volo e le operazioni di riempimento e svuotamento del serbatoio, in quanto vitali per garantire una sequenza di lancio senza intoppi. L'inizio dei test combinati tra lanciatore e base di lancio è previsto per aprile 2022.

Parallelamente ai test combinati nella Guyana francese, un altro prototipo di stadio superiore dell'Ariane 6, chiamato HFM (Hot Firing Model), sarà sottoposto alla prova di fuoco sul sito DLR di Lampoldshausen, in Germania. I test riguarderanno più specificamente l'APU (Auxiliary Power Unit), un sistema innovativo che aumenta la versatilità di Ariane 6.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli