Primo abboccamento. Fridays For Future alle Sardine: "Scioperate con noi"

HuffPost
FFF - Sardine

Le Sardine invadono il centro di Palermo. Si sono date appuntamento intorno alle 18.30 e in poco tempo hanno riempito piazza Verdi, davanti al Teatro Massimo, la principale istituzione culturale della città. Giovani e adulti, intere famiglie e associazioni affollano l’area nel cuore della città. “L’arte rinnova i popoli e ne rivela la vita”, si legge sul frontone dello storico edificio, simbolo della primavera culturale e dei diritti del capoluogo siciliano. “Come Bologna, Palermo non si lega”, è lo slogan degli studenti universitari del Coordinamento UniAttiva che abbraccia il movimento nato nel capoluogo emiliano. Attese migliaia di persone, non solo giovani. “In quanto studenti, in quanto giovani, in quanto cittadini, non possiamo accettare di vedere nuovamente diffondersi il clima di odio e inumanità che rischia di diventare predominante nel nostro Paese - afferma il coordinatore dell’associazione universitaria, Gabriele Scalia - Vogliamo vivere la società che meritiamo, una società senza frontiere, senza confini, senza diseguaglianze e prevaricazione di alcun genere”.

Ma oggi è un giorno importante per le Sardine anche al di fuori dei confini nazionali: il logo è stato registrato  all’Euipo, l’Ufficio della Ue per la proprietà intellettuale, e alla lista delle città dove si svolgeranno le prossime manifestazioni si è aggiunta New York: l’appuntamento dopodomani a Washington Square.

Le Sardine continuano a riscuotere adesioni e vengono ora corteggiate anche da Fridays For Future, il movimento dei giovani per il clima ispirato da Greta Thunberg, che organizza il suo quarto sciopero globale per il clima venerdì 29 novembre, in occasione del Black Friday, per contestare un modello di consumo ritenuto esasperato e non sostenibile. In Italia, i ragazzi di FFF lanciano un appello al movimento delle Sardine perché aderisca allo sciopero, “convinti che gli obiettivi per cui entrambi lottiamo siano complementari e spesso...

Continua a leggere su HuffPost