Primo giorno dopo fermo pesca, record all'asta di Fiumicino

Red/Apa

Roma, 11 ott. (askanews) - Milletrecento cassette per 4833 chilogrammi di pesce. Questo il record battuto ieri, in una sola giornata, all'Asta del Pesce di Fiumicino nel primo giorno di attività dopo il fermo biologico che ha bloccato la pesca a strascico, nel compartimento del Tirreno, dal 10 settembre per 30 giorni.

Consumata l'attesa per il ritorno del pescato fresco sulle tavole del territorio romano, l'asta ha registrato numeri importanti che fanno ben sperare per quella che a tutti gli effetti rappresenta una nuova stagione di pesca. Il periodo autunnale da sempre, infatti, riserva le maggiori soddisfazioni per numero e varietà di specie e, soprattutto, per quantitativi sbarcati.

"Il pescato fresco torna nei mercati e al consumatore - spiegano dalla Silver Fish Srl, società che dal 1979 gestisce l'Asta di Fiumicino - finalmente potremo assaggiare nuovamente il meglio del Tirreno dopo oltre un mese di inattività. Il tutto certificato e controllato dalla Silver Fish Srl. L'obiettivo è ora quello di promuovere e far apprezzare al meglio il pesce fresco di Fiumicino sul panorama italiano come marchio di qualità e freschezza".